Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione della distribuzione di carburanti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Di Fonzo Sara Evoluzione della distribuzione di carburanti 11 PARTE I: ANALISI DELLA SITUAZIONE ATTUALE 1.1 LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE Il mercato dei carburanti per autotrazione rientra nel più vasto mercato dei prodotti petroliferi. Esso si estende a livello internazionale e coinvolge una molteplicità di paesi in diversi continenti, alcuni dei quali sono interessati principalmente dall’estrazione di prodotto greggio, altri soprattutto dalla sua raffinazione e dal consumo dei prodotti finiti o semilavorati. Il petrolio è considerato una materia prima molto preziosa perché è destinato a molteplici usi e soprattutto perché è attualmente la più importante fonte d’energia, per di più non rinnovabile, che sia utilizzata principalmente dai paesi industrializzati. Sono stati proprio questi paesi, che già dagli inizi del secolo scorso, con la scoperta dei primi giacimenti, iniziarono a nutrire grandi interessi nei confronti del petrolio, ad organizzarsi in colossali compagnie multinazionali che presero il nome di “Sette sorelle”: la Standard Oil of New Jersey (Exxon), la Socony Mobil Oil e la Standard Oil Of California (nate dallo smembramento della Standard Oil Di Rockfeller), la Gulf Oil (Chevron) e la Texas Oil (Texaco) americane; l’inglese BP (British Petroleum) e l’anglo-olandese Royal Dutch Shell. Queste compagnie, attraverso propri ingenti investimenti, si occupavano di estrarre, trasportare (con oleodotti e petroliere), raffinare e vendere, a prezzi concordati, il petrolio greggio. Se i giacimenti si trovavano al di fuori dei rispettivi confini nazionali, esse pagavano, per il loro sfruttamento, una percentuale minima ai paesi produttori (principalmente Iran, Iraq, Arabia Saudita, Libia, Algeria, Egitto, Oman, Siria, Qatar). Dopo la Seconda Guerra Mondiale si affermarono società più piccole o compagnie nazionali ( come l’italiana Eni o la francese Elf-Erap), che arrivarono a minacciare il monopolio delle Sette Sorelle. In questa situazione, a poco a poco i paesi produttori iniziarono a rendersi conto che non era più possibile sottostare alle condizioni delle grandi compagnie e per questo decisero di unirsi per aumentare il proprio potere contrattuale: nacque nel 1960 l’OPEC. I fondatori furono: Arabia Saudita, Venezuela, Kuwait, Iran, Iraq; a loro si aggiunsero in un secondo tempo Nigeria, Gabon, Libia, Algeria, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Indonesia. Dal ’70 Algeria, Iraq e Libia nazionalizzarono le proprie industrie

Anteprima della Tesi di Sara Di Fonzo

Anteprima della tesi: Evoluzione della distribuzione di carburanti, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sara Di Fonzo Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4351 click dal 16/09/2004.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.