Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le servitù atipiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 1027, ma anche nel successivo art. 1028, si è preoccupato di dare una definizione all’utilità che deve accompagnare il contenuto di qualsiasi servitù. Al riguardo, quindi, essa può “consistere anche nella maggiore comodità o amenità del fondo dominante”. Da ciò si evince che il godimento e i vantaggi, che spettano al fondo dominante, devono derivare dall’utilità che può o che deve fornire il fondo servente; a maggior ragione, il beneficio che viene concesso da un soggetto ad un altro, o più precisamente, dal titolare del fondo servente al titolare del fondo dominante, dovrebbe avere un contenuto che può essere determinato solo attraverso la cd. funzione strumentale fondiaria. Quindi, uno dei primi aspetti peculiari della servitù è che essa resta indissolubilmente legata al diritto sul fondo; per cui, il “rapporto di servizio” riguarda (o almeno dovrebbe riguardare) solo i fondi, non anche i soggetti proprietari 3 , con la conseguenza, quindi, che il peso ha natura reale e non personale. 3 Consiglio di Stato, sez. IV, 15 luglio 1999, n° 1246, in Rep. Foro it., 1999, p. 2060.

Anteprima della Tesi di Daniele Grunieri

Anteprima della tesi: Le servitù atipiche, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Grunieri Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2778 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.