Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'automobile nel cinema di Martin Scorsese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 1. Automobile e cinema: il movimento […] se avessi saputo esprimerlo a parole non avrei dovuto fare il film Martin Scorsese (a proposito di Taxi driver) L’automobile è il mito per antonomasia del Novecento e fa compiere a noi, moderni pellegrini, uno straordinario viaggio nel tempo e nello spazio. La sua infanzia coincide con quella di questo secolo. L’aspetto più dirompente della comparsa dell’automobile sulla scena quotidiana è l’enorme potenziale di trasgressione che immancabilmente affascina. Nell’America del primissimo Novecento, l’automobile è già un imprescindibile strumento di affermazione sociale. Ha, innanzi tutto, il compito di attutire le differenze fra il mondo rurale e quello urbano e di rompere l’isolamento che l’immenso paese impone ai centri minori. In breve tempo, questo veicolo, entra a far parte dell’identità individuale, la denota nei confronti degli altri. 1 L’auto si rivela, fin dalla sua comparsa, elemento centrale e perfino determinante nei grandi riti connessi all’età dell’uomo, a cominciare da quello adolescenziale, incarnando la mutevole sostanza dei sogni di intere generazioni. 2 L’automobile acquista quel valore simbolico marcato che consente ai possessori di sentirsi con un piede già nel mondo degli adulti. Questo è un aspetto particolarmente trattato dallo stesso Scorsese nel film Goodfellas: il protagonista Henry, ancora ragazzino, racconta il suo entusiasmo nel poter parcheggiare le Cadillac alla stazione dei taxi del boss per cui aveva cominciato a lavorare. La voce off di Henry ribadisce l’importanza che aveva quell’incarico specialmente per un adolescente di quattordici anni, se non altro per il 1 A. BRILLI, La vita che corre, mitologia dell’automobile, il Mulino, Bologna, 1999 2 A. BRILLI, Ivi p. 10

Anteprima della Tesi di Lorena Adami

Anteprima della tesi: L'automobile nel cinema di Martin Scorsese, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Lorena Adami Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3469 click dal 16/09/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.