Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'automobile nel cinema di Martin Scorsese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 adattamento, del nuovo desiderio. L’attività desiderante ha a che fare con l’imprevisto e la possibile inaspettata appropriazione dello sconosciuto. Sondare l’ignoto, vedere e osservare con occhi rinnovati, costituiscono l’oggetto delle conoscenze potenziali e successive che possono essere assicurate solo dalla libertà di andare. 5 Questa totale indipendenza viene attribuita al mezzo, ma in realtà l’auto non è autonoma: ha pur sempre bisogno del guidatore-padrone. L’auto è produttrice di libertà solo nella misura in cui è serva del suo conducente. Il fascino psicologico che l’automobile genera non è solo reale. E’ anche fantastico e simbolico. Possedendola si può persino andare in nessun luogo e contemporaneamente andare in tutti col desiderio. Essa diventa simbolo e immagine della nostra libertà, virtualmente illimitata, di andare. Questa potenzialità può essere sicuramente ricondotta all’archetipo collettivo junghiano dell’immagine psichica della possibilità infinita dello spostamento nello spazio. 6 L’auto diventa subito veicolo appassionato, il simbolo della libertà individuale e di una maniera nuova di guardare al paesaggio che scorre sotto vetro. Modifica proprio il modo di vedere. L’auto è un punto mobile d’avvistamento privilegiato. E’ veicolo di conoscenza e, a suo modo, uno stimolo alla creatività. La sequenza di paesaggi che si profilano davanti ai nostri occhi da un auto in corsa finisce per confondersi in un caleidoscopio di immagini continuamente nuove. Volgendo quegli sguardi al di là dei vetri dell’auto ci giungono frammenti di un discorso figurativo del tutto autonomo. E’ appunto lo scivolare delle cose, lo stato di fluttuazione che ad un tempo immerge ed astrae dal paesaggio, che stimola l’immaginazione dell’osservatore che solo in queste condizioni sembra rispondere alle suggestioni esterne. Le immagini che si offrono, al di 5 P. ANDREONI, Libertà di andare, antropologia dell’automobilista, Franco Angeli, Milano, 1999 6 P. ANDREONI, Ivi p. 22

Anteprima della Tesi di Lorena Adami

Anteprima della tesi: L'automobile nel cinema di Martin Scorsese, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Lorena Adami Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3469 click dal 16/09/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.