Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'incidenza del Parlamento europeo sulle spese della PESC

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 francese che approvò (con 319 voti, contro 264 e 12 astenuti) una mozione pregiudiziale presentata dal generale Aumeran nella quale si rilevava l'incostituzionalità del Trattato CED e se ne respingeva la discussione": la Comunità europea di difesa, "ideata a Parigi nel 1951, moriva a Parigi tre anni più tardi" 5 tra vivaci polemiche e "la delusione che ne seguì non fu trascurabile", 6 tanto che per superare la crisi i governi dei Sei e il governo britannico invitarono i loro negoziatori a far ricorso a quello che Bino Olivi definisce "un ingegnoso artifizio diplomatico" 7 : "nel loro desiderio di colmare il più rapidamente possibile il vuoto lasciato dal fallimento della Comunità europea di difesa, invece di elaborare un nuovo Trattato, presero come base e punto di riferimento" 8 quello firmato a Bruxelles nel 1948 9 da Gran Bretagna, Francia, Belgio, Olanda e Lussemburgo; le (poche) modifiche perseguivano tre obiettivi: "eliminare o quanto meno attenuare lo spirito antitedesco; permettere l'adesione dell'Italia e della Germania; creare organi e strutture capaci di consentire alla nuova organizzazione una vita autonoma e proficua". 10 Naturalmente, dagli accordi che, negoziati a Londra dal 28 settembre al 3 ottobre 1954 e firmati a Parigi il 23 ottobre 1954, 5 B. OLIVI, L'Europa difficile, op. cit., pag. 44 6 E. ROGATI, Manuale della U.E.O., Ufficio stampa e pubblicazioni della Camera dei Deputati, Roma,1983, pag. 10. 7 B. OLIVI, L'Europa difficile, op. cit., pag. 49. 8 E. ROGATI, Manuale della U.E.O., op. cit., pag. 12. 9 Il trattato di Bruxelles era stato firmato dal Regno Unito, dalla Francia e dai tre paesi del BENELUX in funzione antitedesca: nel preambolo le cinque Potenze firmatarie s'impegnavano "ad adottare le misure ritenute necessarie nel caso di una ripresa della politica aggressiva da parte della Germania". 10 E. ROGATI, Manuale della U.E.O., op. cit., pag. 12.

Anteprima della Tesi di Massimo Radicioni

Anteprima della tesi: L'incidenza del Parlamento europeo sulle spese della PESC, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Massimo Radicioni Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1058 click dal 16/09/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.