Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I procedimenti e gli istituti finalizzati allo sviluppo economico: i patti territoriali e i PIT

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 trasferimento di risorse economiche nel Mezzogiorno di tutti i tempi, con un conseguente massiccio allargamento della sfera pubblica di azione. Lo strumento che da un senso e un fine all’insieme dei molteplici interventi pubblici è quello della programmazione che consente allo Stato di coordinare ed indirizzare il libero gioco delle forze di mercato per il perseguimento di quei fini pubblici che garantissero il concretizzarsi del principio di uguaglianza sostanziale. E’ in questo momento che nasce uno spirito di programmazione degli interventi da realizzare che si propagherà per alti e bassi fino alla programmazione comunitaria del nuovo secolo. La programmazione degli anni 50, nel cui ambito si inserisce l’azione della Cassa e delle PP.SS., è strettamente connaturata al modello keynesiano di sviluppo, allora dominante, incentrato sulla grande impresa e sul ruolo centrale dello Stato. Questo è il modello di sviluppo economico top-down, il modello della programmazione centralizzata, cosiddetta “programmazione razionale-sinottica”, modello che prevedeva uno schema “a cascata”: un ente centrale individuava gli obiettivi di carattere generale (perchè si pensava che questo ente programmatore potesse avere una conoscenza completa (sinottica) del problema che la programmazione intendeva risolvere e, pertanto, prendeva decisioni in base a obiettivi definiti in modo razionale) e gli enti periferici-locali specificano gli obiettivi programmati dall’ente centrale e li eseguono.

Anteprima della Tesi di Mario Aspromonte

Anteprima della tesi: I procedimenti e gli istituti finalizzati allo sviluppo economico: i patti territoriali e i PIT, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mario Aspromonte Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2476 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.