Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Patti parasociali nel diritto positivo vigente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 L’abbandono della concezione del voto come strumento diretto a perseguire l’interesse sociale, e non del singolo socio, unita con il superamento del principio della necessaria, libera e spontanea formazione della volontà del socio in assemblea e, soprattutto, il definitivo chiarimento della distinzione del piano parasociale da quello sociale, hanno indotto dottrina e giurisprudenza a riconoscere l’ammissibilità di principio delle convenzioni parasociali, e a spostare l’attenzione sul contenuto del singolo patto, al fine di valutarne la liceità 10 . In particolare, il punto d’approdo agli studi in argomento, è costituito dalla constatazione che, il giudizio di validità sui patti parasociali deve essere condotto accertando che il patto sia diretto a realizzare interessi meritevoli di tutela ai sensi dell’articolo 1322 del codice civile. Soprattutto per dare rilievo alle nuove realtà del mondo economico, non è più sufficiente inserire nuove norme di carattere settoriale nel sistema giuridico, ma bisogna cambiarlo totalmente. È proprio in questo quadro che, oggi, dopo più di sessant’anni dalla loro prima teorizzazione, i patti parasociali entrano finalmente ed ufficialmente anche nel codice civile con la Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative 11 . 10 Anche se, opinione Autorevole (Rossi G., Le diverse prospettive dei sindacati azionari nelle società quotate e in quelle non quotate, in Rivista delle Società, 1991, p. 1353 ss.), ha sostenuto che le convenzioni di voto e di blocco non sarebbero compatibili con le società con azioni quotate in borsa, in quanto, contrasterebbero con taluni principi d’ordine pubblico che reggono tali società, quali la tutela dell’investitore medio e la libera trasferibilità delle azioni. L’Autore, allo stesso tempo, ammette però che tali patti possano essere validi nelle società non quotate. 11 D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, che d’ora in poi per comodità chiameremo semplicemente Riforma.

Anteprima della Tesi di Federico Federici

Anteprima della tesi: I Patti parasociali nel diritto positivo vigente, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federico Federici Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8587 click dal 16/09/2004.

 

Consultata integralmente 45 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.