Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cooperazione e Competizione nel Trasporto Pubblico Locale: il Caso Metronapoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Le aziende di Trasporto Pubblico Locale 15 separatamente un sussidio per le classi meno abbienti. In particolare, "[...] vi sono dei vantaggi nello stabilire un prezzo lordo pari ai costi pieni e a fornire, separatamente un sussidio a coloro che ne hanno bisogno o a coloro che devono essere incoraggiati all'uso del servizio. Questa strategia mette in luce il costo reale che occorre sostenere per fornire un servizio e svolge quindi due funzioni: (1) motiva i clienti ad esprimere un giudizio sull'effettivo valore dei servizi ricevuti, il che facilita il controllo direzionale; (2) motiva la direzione a valutare se le risorse disponibili siano state collocate in modo corretto" (ANTHONY e YOUNG, 1992; p. 187). Alternativamente si può seguire una seconda strada che agisce sui prezzi ed è di stampo più tipicamente europeo: essa consiste nel differenziare i prezzi in base al tipo di servizio e alla capacità contributiva degli utenti. A tal proposito è possibile ricordare una legge del '90, 2 dove si afferma che lo strumento del prezzo può essere opportunamente differenziato in relazione sia all'essenzialità del servizio, sia alla diversa tassabilità delle specifiche categorie di utenti in relazione alla loro capacità contributiva. La seconda linea su cui si può operare per migliorare la redditività negativa delle aziende pubbliche, riguarda l’aumento dei volumi di vendita sfruttando totalmente la capacità produttiva di queste aziende che spesso, 2 L. 142/90 “Ordinamento delle autonomie locali”, art. 54, comma 8 “A ciascun ente locale spettano le tasse, i diritti, le tariffe e i corrispettivi sui servizi di propria competenza. Gli enti locali determinano per i servizi pubblici tariffe o corrispettivi a carico degli utenti, anche in modo non generalizzato. Lo Stato e le regioni, qualora prevedano per legge casi di gratuità nei servizi di competenza dei comuni e delle province ovvero fissino prezzi e tariffe inferiori al costo effettivo della prestazione, debbono garantire agli enti locali risorse finanziarie compensative.”

Anteprima della Tesi di Fabio Musella

Anteprima della tesi: Cooperazione e Competizione nel Trasporto Pubblico Locale: il Caso Metronapoli, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Musella Contatta »

Composta da 328 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2684 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.