Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La flessibilità nel concetto di sé e del mondo come alternativa al disturbo da stress post-traumatico secondo la teoria cognitivo-comportamentale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- Silvia Bellisari - 5 CAPITOLO PRIMO ASPETTI INTRODUTTIVI AL DISTURBO DA STRESS POST-TRAUMATICO: Il CONCETTO DI TRAUMA PSICHICO Questo capitolo costituisce una introduzione al DPTS. Verranno affrontati argomenti che sono attinenti non al disturbo vero e proprio, ma al concetto di trauma. Già dagli anni Ottanta, il disturbo è stato inserito nel DSM, il trauma è stato definito in modo univoco e per il DPTS sono stati stabiliti dei criteri diagnostici precisi. Tuttavia quella elaborata nel DSM è una definizione fenomenologia e ateoretica. Proprio per questo motivo verrà preso in considerazione il punto di vista di tre teorie. Successivamente verrà messa in luce la relazione tra il trauma, lo stress e l’ansia, per poi passare ad analizzare quali conseguenze produce il trauma a livello di strutture neurologiche e fisiologiche, ma anche sui sistemi di memoria. Un evento estremamente doloroso, se non viene adeguatamente rielaborato, può produrre effetti dannosi sulla personalità di chi lo ha sperimentato e questi effetti possono essere trasmessi anche alle generazioni successive. L’ultimo paragrafo metterà in luce come viene trasmesso un trauma e quali effetti può produrre. 1. Il trauma psichico: lettura alla luce delle diverse teorie Il termine trauma deriva dal greco Ω Υ ∆ Ξ Π ∆ e vuol dire lacerazione. In medicina, la parola viene usata per indicare le lesioni provocate da agenti meccanici la cui forza è superiore alla resistenza dei tessuti cutanei o degli organi. In neuropsichiatria, indica una lesione del sistema nervoso o dell’organismo psichico per effetto di avvenimenti che irrompono bruscamente ed in modo distruttivo (Galimberti, 1992, 956-957). In ambito psicologico, invece, le diverse teorie, hanno dato una propria definizione di trauma psichico e dei fattori che ne determinano l’insorgenza. Lo scopo di questo paragrafo è quello di mettere in luce la molteplicità dei punti di vista. Verranno prese in considerazione: la teoria psicoanalitica, la teoria dell’attaccamento e il cognitivismo. La teoria psicoanalitica, soprattutto nel modello freudiano, spiega il

Anteprima della Tesi di Silvia Bellisari

Anteprima della tesi: La flessibilità nel concetto di sé e del mondo come alternativa al disturbo da stress post-traumatico secondo la teoria cognitivo-comportamentale, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Silvia Bellisari Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5731 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.