Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I programmi iconografici nell'arte cristiana dal tardo antico all'alto medioevo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 2. Le origini dell’iconografia paleocristiana L’origine dell’iconografia in ambito cristiano è segnata dalle influenze del mondo ebraico e della civiltà tardo-ellenistica e romana, con cui i cristiani vennero successivamente in contatto, anche se A. Grabar ritiene arbitrario isolare dei periodi nel campo della storia 8 . Sarebbe del tutto incongruo, infatti, separare l’arte paleocristiana da quella pagana del periodo tardo antico 9 . Tutte queste culture hanno influenzato profondamente le espressioni formali dell’ambito cristiano, che troverà le coscienze più permeabili nella società antica in via di trasformazione 10 . Questa constatazione è di grande importanza per la storia dell’iconografia cristiana le cui radici sono da ricercare nel periodo in cui il cristianesimo cominciò a diffondersi al di fuori di quei gruppi d’ebrei che in Galilea si erano stretti intorno ai discepoli di Gesù di Nazaret. 8 GRABAR 1991, pp. 3 ss. 9 BIANCHI BANDINELLI 1988, p. X. 10 SORDI 1984, P. 51.

Anteprima della Tesi di Alessandro Cannataro

Anteprima della tesi: I programmi iconografici nell'arte cristiana dal tardo antico all'alto medioevo, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Cannataro Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5215 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.