Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Floriterapia Olistica- I fiori di Bach per il naturopata RIZA

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Gmpsjufsbqjb!Pmjtujdb!ej!Djo{jb!Bo{fmmpuuj! ! ! - 10 - 2/4!Gfmjdjub(!f!cfofttfsf!ofmmb!sfbmj{{b{jpof!efm!qspqsjp!#ubmfoup#/! Secondo Edward Bach, condizione fondamentale per la salute è ascoltare la "piccola voce dell'anima" che ci parla " …tramite la nostra intuizione, i nostri istinti, i nostri ideali, i nostri gusti comuni." (Da "Libera te stesso"). Presupposto per la felicità e la salute è seguire dunque il proprio "talento". Uno degli scopi che si prefigge il floriterapeuta olistico è quello di guidare le persone a scoprire la propria voce interiore, il proprio talento. La scoperta della propria voce interiore può essere guidata, come già espresso da Bach, sia dall'osservazione delle scelte intuitive di fiori, colori, suoni, cristalli, etc., sia attraverso l'osservazione dei sogni, del modo di parlare, delle aspirazioni, dei sintomi raccontati dalle malattie. Anche il gioco e tutte le tecniche ideate da Riza favoriscono il contatto con il proprio vero sé e conducono alla riscoperta della "piccola voce dell'anima", della propria missione di vita, del proprio "talento". Nella floriterapia olistica un ruolo importante è attribuito alla tecnica dell'enneagramma come s9 vedrà nel successivo paragrafo 3.5.2. Attraverso l'enneagramma è possibile riconoscere il talento innato derivante dall'appartenenza ad un determinano enneatipo e invitare la persona a svilupparlo attraverso azioni consapevoli e l'uso dei fiori di Bach. 2/5!Mb!nbmbuujb;!hfoftj!f!dpoufovup!tjncpmjdp! "Se la nostra parte spirituale e la nostra mente sono in armonia la malattia non può esistere" da E.Bach "Soffrite a causa di voi stessi" Ci si ammala nel momento in cui la mente subisce delle “interferenze” provenienti dall’esterno e cessa di essere al servizio del “Vero Sé”, asservendosi alle “interferenze”. Anima e mente entrano, quindi, in conflitto che, appunto, va inteso come “una situazione in cui forze di valore approssimativamente uguale ma dirette in senso opposto, agiscono simultaneamente sull’individuo” (Lewin, 1965) Questo conflitto provoca una perturbazione energetica che, se perdura, tende a trasferirsi dalla parte elettromagnetica dell’uomo a quella materiale e biochimica. La biofisica e l’elettroagopuntura secondo Voll stanno confermando ampiamente ciò che Bach aveva intuito. Egli, infatti, scrive: “La malattia è nella sua essenza il risultato di un conflitto tra l’anima (spirito) e la mente (psiche)”. “La malattia, alla sua origine, non è materiale. Ciò che noi conosciamo della malattia è l’ultimo effetto prodotto nel corpo, la risultante delle forze che agiscono per lungo tempo in profondità”. (Da “Guarisci te stesso”). FIG. 1 Edward Bach, d’altra parte, afferma molto esplicitamente che è proprio la malattia, con la sua sintomatologia che è caratterizzata, in prima istanza, dalla produzione di stati emozionali negativi, a darci la possibilità di intraprendere un percorso di guarigione.

Anteprima della Tesi di Cinzia Anzellotti

Anteprima della tesi: Floriterapia Olistica- I fiori di Bach per il naturopata RIZA, Pagina 6

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Facoltà: Scuola di Naturopatia

Autore: Cinzia Anzellotti Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12612 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.