Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La flessibilità del mercato del lavoro italiano. Profili giuridici ed effetti socio-economici.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Inoltre, questa espansione occupazionale ha una caratterizzazione prettamente femminile: più del 70% della crescita occupazionale totale ha investito infatti le donne. Cifre, queste, che non potevano non avere ripercussioni positive, oltre che sulle dinamiche del tasso di occupazione (passato dal 50,9% del 1996 al 56% del 2003), sull’andamento del tasso di disoccupazione e del tasso di attività. Il primo negli 8 anni considerati si è ridotto dall’11,6% al 8,7%, mentre il tasso di partecipazione al mercato del lavoro è passato dal 57,7% al 61,4% (Istat). L’andamento positivo dei principali indicatori del mercato del lavoro non è stato, tuttavia, sufficiente a colmare il cronico divario tra Centro-Nord e Sud, sebbene il fenomeno abbia avuto un ridimensionamento. I tassi di attività, di occupazione e di disoccupazione si sono attestati nel 2003, rispettivamente, al 66,5%, al 64,7% e al 3,9% al Nord; al 63%, al 59% e al 6,5% al Centro; al 53,7%, al 44,8% e al 17,7% al Sud 4 . Oltre a presentare questa lacuna, l’Italia si caratterizza per la persistenza della disoccupazione di lunga e di lunghissima durata. In questo ambito l’espansione occupazionale ha avuto conseguenze modeste e tardive. Dal 1995 al 2001 le persone disoccupate da 12 o più mesi sono passate dall’8,6% al 5,9% del totale delle forze di lavoro 5 e rappresentavano nel 2003 il 57% del totale dei disoccupati 6 . Inoltre, nonostante il tasso di disoccupazione nel 2001 sia tornato al livello del 1992, la durata media della disoccupazione è passata da 23,6 a 37,4 mesi nello stesso arco temporale 7 . Al di la di questi aspetti, gli indicatori di un mercato del lavoro caratterizzato sempre più da una diffusione dei lavori atipici non possono essere interpretati asetticamente. 4 Cfr., Istat, op. cit.. 5 Cfr., Cnel, Rapporto sul mercato del lavoro 1997-2001, Roma, luglio 2002. 6 Cfr., Istat, op. cit.. 7 Cfr., Cnel, op. cit.. II

Anteprima della Tesi di Gianluca Cocco

Anteprima della tesi: La flessibilità del mercato del lavoro italiano. Profili giuridici ed effetti socio-economici., Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianluca Cocco Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18759 click dal 20/09/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.