Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La flessibilità del mercato del lavoro italiano. Profili giuridici ed effetti socio-economici.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Le trasformazioni dell’ultimo decennio impongono una lettura delle dinamiche occupazionali anche da un punto di vista qualitativo. Per molti dei circa 5 milioni di lavoratori atipici stimati dall’Istituto per le Ricerche Economiche e Sociali (IRES) la deregolamentazione del mercato del lavoro ha probabilmente fornito delle chance occupazionali aggiuntive, ma li ha anche resi fortemente vulnerabili sotto diversi punti di vista. L’ultima riforma del mercato del lavoro operata dal D.lgs. n. 276/2003, che peraltro ha introdotto nuove forme d’impiego flessibile quali il lavoro intermittente, il lavoro ripartito e la somministrazione a tempo indeterminato di manodopera 8 , si propone di amplificare lo scenario sopra descritto. Nei paragrafi che seguono verranno presi in considerazione i principali aspetti giuridici e socio-economici delle forme d’impiego flessibili più diffuse nel nostro mercato del lavoro. ξ Il reddito e le future pensioni dei co.co.co. Anche sul piano delle stime dei redditi dei collaboratori il quadro dei dati non è ancora esauriente. Le fonti principali sono rappresentate dai dati dell’Inps e dalle elaborazioni dell’Istat sui dati dell’Agenzia delle Entrate. Le ultime rilevazioni dell’Inps risalgono al 1999 e fanno luce sulla distribuzione dei collaboratori nelle classi di reddito medio-basse, 8 Il lavoro intermittente o a chiamata ha ad oggetto lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente, che il lavoratore può essere chiamato a fornire con un preavviso non inferiore ad un giorno e dietro un’indennità di disponibilità integrativa della retribuzione, pari ad almeno il 20% di quest’ultima, per il periodo in cui si è obbligato a mettersi a disposizione dell’impresa. Il lavoro ripartito presuppone, invece, che 2 lavoratori si obblighino in solido ad eseguire un’unica prestazione lavorativa. Le dimissioni o il licenziamento di uno dei lavoratori comportano l’estinzione dell’intero vincolo contrattuale. Per la somministrazione di lavoro si rimanda al paragrafo 2.3. ss. III

Anteprima della Tesi di Gianluca Cocco

Anteprima della tesi: La flessibilità del mercato del lavoro italiano. Profili giuridici ed effetti socio-economici., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianluca Cocco Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 18760 click dal 20/09/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.