Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un protocollo MAC multicanale per reti wireless ad-hoc

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2.2. Hiperlan/2 13 (DL), uplink (UL) e random access (RCH). La fase di broadcast è di ti- po downlink ossia prevede un flusso di informazioni solo dall’AP verso gli host e non viceversa. Nel BCH vengono trasmessi parametri fondamen- tali per la sincronizzazione dell’intero MAC frame come istante d’inizio e lunghezza dell’FCH e dell’RCH. L’FCH, anch’esso di tipo downlink, contiene un’esatta descrizione dell’allocazione delle fasi UL e DL del MAC frame corrente. In questo modo ogni host viene a conoscenza delle presenza o meno di slot allocati per le proprie trasmissioni. Nella fase di access feedback l’AP informa gli host sull’esito degli ac- cessi nel RCH immediatamente precedente. Nell’RCH l’accesso al mezzo avviene in maniera totalmente distribuita, senza un minimo di coordina- zione, quindi si possono verificare delle collisioni. In questo caso si dice che l’accesso è “in contesa”. Se invece esiste un qualche meccanismo che prevede una regolamentazione degli accessi al mezzo si parla di accesso non in contesa. Questi concetti verranno approfonditi quando si parlerà del protocollo IEEE 802.11. Durante la fase RCH gli host inviano le proprie richieste di banda in funzione della quantità e della tipologia del traffico che hanno da trasmettere. Una descrizione più dettagliata dei vari transport channels che com- pongono il MAC frame di Hiperlan/2 può essere trovata in [Joh99]. La suddivisione del canale in fasi logiche proposta da Hiperlan/2 for- nisce uno strumento efficiente per la gestione del canale. Con questo sistema si riducono considerevolmente le collisioni in quanto l’accesso al canale è quasi totalmente organizzato, eccezion fatta per la fase RCH. Inoltre con il meccanismo di allocazione delle risorse su richiesta, si ha la possibilità di attuare diverse politiche di scheduling, anche orientate al QoS. Il concetto di MAC frame di Hiperlan/2 verrà ripreso ed ampliato nella progettazione di CSMAC in modo da garantire un certo livello di affidabilità dell’utilizzo delle risorse. Come accennato in precedenza un MAC basato su slot richiede un buon livello di sincronizzazione tra gli host. In un ambiente ad hoc la sincronizzazione fra le varie interfacce

Anteprima della Tesi di Stefano Massera

Anteprima della tesi: Un protocollo MAC multicanale per reti wireless ad-hoc, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Stefano Massera Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2187 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.