Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agenti cognitivi incorporati. La prospettiva dei sistemi dinamici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 3) Algoritmo. La computazione effettiva richiede che le operazioni di base siano specificate da un algoritmo, vale a dire da una “ricetta” finita che specifica le transizioni dello stato solamente sulla base di proprietà digitali degli stati. Per esempio la serie infinita di comportamenti di una macchina di Turing è governata dalla sua tabella di macchina, un insieme finito d’istruzioni espresso solo in termini dei valori digitali delle celle del nastro, la posizione principale e lo stato principale. Nei sistemi concreti, questa regola deve catturare un livello d’organizzazione causale. Vale a dire, le transizioni descritte dalla regola devono avvenire nel modo in cui esse si verificano, perché gli stati assumono le proprietà digitali nei cui termini la regola è espressa 4) Interpretazione. Gli stati e i comportamenti del sistema devono prestarsi ad un’interpretazione sistematica. Vale a dire, deve esistere un dominio e delle corrispondenze tra il sistema e il dominio, tali che (a) le corrispondenze siano sistematiche rispetto a questi aspetti digitali del sistema nei cui termini la legge governa il comportamento del sistema, e (b) gli stati del sistema e i comportamenti assumono un significato (make sense) alla luce di queste corrispondenze 7 . 7 Cosa vuol dire “assumere un significato (make sense)”? Si tratta di una questione complessa; cfr. Haugeland (1985), Capitolo 3, per una discussione al riguardo. Ogni sistema digitale può essere regolato con qualche campo (come gli interi e le funzioni definite su di essi) ma non tutti tali sistemi hanno un’interpretazione in tal senso. Quelli che la possiedono sono tali da esibire un ulteriore tipo di ordine che sembra o potrebbe sembrare modellato o ragionevole per noi (esseri umani); così, che qualcosa sia un computer digitale è relativo all’uomo. Si noti che avere un’interpretazione nel senso comune del termine può non essere sufficiente a garantire che il sistema “abbia significato” in un senso più forte. Per una discussione di tali questioni si veda Harnad (1990) e Searle (1980).

Anteprima della Tesi di Alberto Vicario

Anteprima della tesi: Agenti cognitivi incorporati. La prospettiva dei sistemi dinamici, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alberto Vicario Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1265 click dal 23/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.