Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I numeri sono un'opinione?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Le manifestazioni costituiscono quindi un momento rilevante di aggregazione ed un diritto di libertà riconosciuto dalla Costituzione della Repubblica Italiana, che si occupa della questione nel Titolo I, all’articolo 17: “I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica”. 1 Occorre quindi distinguere tra riunioni e assembramenti, i quali sono invece l’incontro casuale e non organizzato di persone, attratte in un medesimo luogo da una circostanza improvvisa. Questo può spiegare la presenza o meno delle forze dell’ordine e delle relative stime negli eventi in seguito analizzati. In ogni caso sarebbe interessante poter stimare numericamente e con precisione la partecipazione ai vari eventi, al fine di valutare quante persone realmente chiedano che determinate richieste vengano soddisfatte, o semplicemente si dimostrino vicine a partiti, movimenti, sindacati e così via. Le parti più coinvolte in primis in questa stima numerica sono sia i promotori dell’evento, per i quali è lecito pensare che ci sia un certo interesse nel sottolineare l’eventuale successo della mobilitazione in questione, sia le forze dell’ordine chiamate ad assicurarsi che tutto si svolga senza incidenti. Una terza “voce” è costituita da coloro che si occupano dell’informazione, quindi i giornalisti, ai quali spetta l’arduo compito di dare una propria valutazione degli eventi. Questa ricerca vuole confrontare sia le diverse “voci” che riferiscono delle manifestazioni, quindi i promotori, i quotidiani e le forze dell’ordine, sia i quotidiani stessi, al fine di capire come un evento possa essere interpretato da diverse testate giornalistiche. I quotidiani consultati in 1 Cuocolo, F. (2002), Lezioni di diritto pubblico, Milano, Giuffrè, p. 391.

Anteprima della Tesi di Emanuele Dequarti

Anteprima della tesi: I numeri sono un'opinione?, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuele Dequarti Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1633 click dal 27/09/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.