Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing strategico nell'industria discografica. Il caso BMG Ricordi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 È l’abbattimento dei vincoli spazio-temporali, la realizzazione di un desiderio di ubiquità che permette all'artista di collocare l'opera all'interno di una rete potenzialmente infinita di collegamenti e di inserirla, quindi, in un contesto più ampio e dinamico di rimandi a informazioni, progetti e opere parallele, scambi collaborativi all'interno del cyberspazio. Questo fenomeno amplia ed agevola enormemente la diffusione dell'arte rendendo potenzialmente possibile per chiunque creare una propria galleria di oggetti d'arte catturati dalla rete. La specificità nell'adozione di questi nuovi media risiede in primo luogo nell'interattività che questi mezzi offrono. E', infatti, l'utente stesso che struttura la comunicazione nei percorsi e nei modi da lui prescelti nel corso della fruizione dell'opera multimediale. Questa caratteristica differenzia radicalmente il media digitale dai media tradizionali quali dischi, televisione, radio, libri in cui il fruitore assume un ruolo passivo rispetto alla struttura sostanzialmente rigida dell'opera. L'utente del prodotto multimediale diventa attore, sceglie, risponde e determina egli stesso il volto dell'opera recuperando il ruolo di protagonista nel rapporto con l'oggetto d'arte. Prendiamo in prestito il titolo del celeberrimo saggio di Walter Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica 2 del 1936, la cui riflessione sullo statuto dell'arte è sempre attuale e stimolante. La riproducibilità tecnica dell'opera d'arte è un processo che ha avuto inizio con l'invenzione della stampa (dando origine a un'ingente circolazione di incisioni in bianco e nero) e che nel corso del tempo ha potuto avvalersi di mezzi tecnicamente sempre più precisi e dalla diffusione sempre più penetrante: rivoluzionario per esempio l'avvento della fotografia. Anche nel caso di una riproduzione altamente perfezionata, manca un elemento: l’hic et nunc dell’opera d'arte, la sua esistenza unica è irripetibile nel luogo in cui si trova. Ma proprio su questa esistenza, e in null'altro, si è attuata la storia a cui essa è stata sottoposta nel corso del suo durare. Ma mentre l’autentico mantiene la sua piena autorità di fronte alla riproduzione manuale, che di regola viene da esso bollata come falso, ciò non accade nel caso della riproduzione tecnica. Essa può inoltre introdurre la riproduzione dell'originale in situazioni che all'originale stesso non sono accessibili. In particolare, gli permette di andare incontro al fruitore, nella forma della fotografia oppure del disco. La cattedrale abbandona la sua ubicazione per essere accolta nello studio di un amatore d'arte; il concerto che è stato eseguito in un auditorio oppure in uno stadio può venire ascoltato nella solitudine di una camera. Le circostanze in mezzo alle quali il prodotto della riproduzione tecnica può venirsi a trovare possono lasciare intatta la consistenza intrinseca dell'opera d'arte, ma in ogni modo determinano la svalutazione del suo hic et nunc. Benché ciò non valga soltanto per l'opera d'arte, questo processo investe un ganglio che in nessun oggetto naturale è così vulnerabile. Cioè: la sua autenticità. 2 WALTER BENJAMIN, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Einaudi, Torino 1966

Anteprima della Tesi di Danilo Grossi

Anteprima della tesi: Il marketing strategico nell'industria discografica. Il caso BMG Ricordi, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Danilo Grossi Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10819 click dal 27/09/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.