Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il marketing strategico nell'industria discografica. Il caso BMG Ricordi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 LA RIVOLUZIONE FONOGRAFICA "...Maria aveva un agnellino. Il mantello era bianco come la neve ...e dovunque Maria andasse l'agnellino non mancava di andare". Thomas Alva Edison Questa popolare filastrocca americana, è gridata da Thomas Alva Edison, nel tubo collegato al primo rudimentale fonografo e con enorme sorpresa riesce ad essere riprodotta molto chiaramente. Ciò accade il 6 Dicembre 1877. È la prima volta in assoluto, che una macchina riproduce “fedelmente” la voce umana, leggendo i solchi incisi su di un cilindro di cera. Prima di allora la fruizione di musica era esclusivamente dal vivo. L’anno successivo lo stesso Edison vende il brevetto del fonografo alla Columbia che diventa la prima casa discografica al mondo. Da questo momento in poi, le invenzioni relative al supporto discografico si susseguono a ritmo annuale, coinvolgendo molti personaggi che danno un fondamentale contributo alla nascita della discografia. È bene ricordare l’apporto degli esperimenti dello scienziato Charles Sumner Tainter e del suo collega Chichester A. Bell. Il 4 maggio 1886 a Tainter e Bell viene concesso un brevetto specifico per un disco, anche se poi decidono di impostare la loro produzione su cilindri; al posto del foglio di stagnola che Thomas Alva Edison aveva impiegato un decennio prima per la sperimentazione del suo fonografo, introducono del cartone rivestito di cera sul quale una puntina di registrazione traccia delle trame di solchi derivanti da vibrazioni causate da impulsi sonori proiettati sulla stessa. Nel 1889 la loro nuova macchina, il Graphophone, è ormai pronta per la sua prima grande esposizione ufficiale a Washington, DC. La musica popolare diviene un grande business, e gli editori di musica affittano uffici a Union Square (New York City), un'area che poi verrà rinominata "Tin Pan Alley. Columbia si posiziona subito come leader del settore conseguendo particolari successi grazie alla commercializzazione di marce militari (di John Phillip Sousa), canzoni popolari, brani strumentali, discorsi, etc. Fondamentale è poi l’apporto di Emile Berliner che lancia in America il grammofono, variante evoluta del fonografo, il quale sostituisce ai cilindri il disco in ceralacca. E successivamente, nel 1888 realizza il primo disco piatto a incisione laterale della durata di 2 minuti. Si tratta di una sottile lamina di zinco ricoperta di cera, sulla quale vibra una puntina. Il 1896 è un anno importante per la storia della discografia. Infatti, il disco, con il suo primo apparecchio lettore, il grammofono, viene messo sul mercato. Berliner, evolvendo la procedura di

Anteprima della Tesi di Danilo Grossi

Anteprima della tesi: Il marketing strategico nell'industria discografica. Il caso BMG Ricordi, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Danilo Grossi Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10808 click dal 27/09/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.