Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Moda e distribuzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 1.2.2. Il VRP (Variety Reduction Program) Uno strumento interessante per gestire la varietà è il VRP (Variety Reduction Program). Sviluppato nelle aziende giapponesi a metà degli anni settanta, esso è oggi applicato da molte imprese del settore per contenere i costi legati alla complessità. Esso consta di due differenti approcci, l’uno top-down e l’altro bottom-up. Il primo consiste in una razionalizzazione della gamma prodotti, che viene focalizzata attraverso il taglio dei prodotti a scarsa redditività; il secondo invece, mantenendo inalterata l’articolazione della gamma produttiva, si propone di rilevare quegli attributi (fissi), non percepibili al consumatore finale e di provvedere ad una loro standardizzazione. La logica top-down risponde a due obiettivi principali: un aumento di efficacia della collezione e un miglioramento dell’efficienza ad essa connessa. La prima dimensione si ricollega agli effetti positivi riscontrabili in una focalizzazione della gamma prodotti; una razionalizzazione dell’offerta potrà certamente comportare la perdita di alcuni segmenti di clienti, ma potrebbe altresì permettere all’impresa di ottenere performances migliori attraverso la sua focalizzazione sui prodotti core. La seconda dimensione si riferisce ai miglioramenti ottenibili attraverso il conseguimento di maggiori economie di scala e di esperienza, legate alla minore varietà da gestire. Un approccio di questo tipo dovrebbe essere seguito da un’impresa che presenta una collezione per così dire «ridondante». Il numero di articoli offerti da un’impresa è eccessivo nel momento in cui si creano problemi nella commercializzazione (aumento del tempo medio di visita degli agenti presso i clienti e rischio di subire «personalizzazioni»), o nella distribuzione (laddove si generino effetti di cannibalizzazione tra prodotti percepiti in maniera similare). Questi effetti possono essere chiaramente valutati attraverso la consultazione dei dati di vendita (raffronto tra dati di sell in e di sell out, determinazione delle quote di invenduto), o attraverso ricerche di marketing presso i target cui l’impresa si rivolge.

Anteprima della Tesi di Alessandro Battaglia

Anteprima della tesi: Moda e distribuzione, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Battaglia Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8545 click dal 28/09/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.