Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agricoltura e innovazioni in Val Padana tra Otto e Novecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 La prima descrizione entusiasta di questo tipo di agricoltura si legge, in Francia, nell’Encyclopédie (1754). Da allora le innovazioni giungono sempre più a interessare tutta l’agricoltura del continente. Nella seconda metà del XIX secolo si completa l’arretramento definitivo del maggese: in tutta l’Europa centrale si diffonde la barbabietola da zucchero, coltura che non esaurisce il suolo, gli dà aria per le frequenti sarchiature che richiede, e assicura un completamento dell’alimentazione del bestiame con i suoi sottoprodotti. Per tutte queste virtù essa diventa la base delle rotazioni scientifiche dapprima in Germania e nell’Europa nord-orientale (Russia meridionale compresa). Se in Francia nel 1882 il maggese, pur ridotto della metà dal 1840, resta pari a un quinto delle terre coltivabili, ciò dipende anche dalla più lenta diffusione della barbabietola per gli interessi dei piantatori coloniali di canna da zucchero. La diffusione dell’erba medica sui suoli calcarei e del trifoglio su quelli silicici introduce la rivoluzione foraggera nelle rotazioni e completa il “sistema di colture alternate” (secondo la definizione del 1829 dell’agronomo francese Roville Mathieu de Dombasle), realizzato in tutta l’Europa centro-occidentale sul modello inglese 20 . Le trasformazioni del Norfolk si spiegano con un lungo passato. La spiegazione principale di questa importante mutazione tecnologica è di ordine sociale. È impossibile non accennare alla famosa questione delle enclosures. Il diritto di recintare, che si accompagna a una suddivisione dei terreni comunali, segna la fine di un’età agricola, l’età dell’openfield e della rotazione triennale 21 , che era stata la grande conquista, nell’Europa occidentale, del Medio Evo. 20 Ivi, p. 484. 21 L’openfield è un sistema di organizzazione dello spazio agrario “a campi aperti”. Questo forma di agricoltura estensiva caratterizzava vaste regioni dell’Europa centro-occidentale e si associava a forme di proprietà collettiva della terra e di insediamento accentrato in villaggi. L’openfield ebbe origine nei luoghi in cui i suoli erano poco fertili ed avevano bisogno di un’abbondante letamazione. Intorno ai villaggi si estendevano terre comuni, suddivise in strisce allungate, assegnate in lavorazione alle famiglie. I campi erano coltivati col sistema della rotazione triennale (colture cerealicole e maggese). Nei campi a riposo si faceva pascolare il bestiame, prevalentemente ovino. La rotazione triennale, detta anche a “tre campi”, prevedeva una divisione del terreno in tre parti, su cui si succedevano, nell’arco di tre anni, il grano autunnale, il grano primaverile (oppure l’orzo) e il maggese, passando dal cereale più esigente ad uno meno bisognoso di sali nutritivi ed infine al riposo. Cfr. B. H. SLICHER VAN BATH, Storia agraria dell’Europa occidentale (500-1850), Einaudi, Torino 1972, pp. 77-78.

Anteprima della Tesi di Michelangelo Stanzani

Anteprima della tesi: Agricoltura e innovazioni in Val Padana tra Otto e Novecento, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michelangelo Stanzani Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2557 click dal 27/09/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.