Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.2 Ipotesi e teorie psicologiche sull’immigrazione Le osservazioni della medicina moderna sulla salute mentale degli immigrati sono già cominciate nel 1688, quando Hofer, nella sua Dissertatio Medica, descrive per la prima volta una malattia, che ha osservato nei soldati svizzeri mercenari in Francia, la “Heimwehe”, che corrisponde al dolore dei malati che si trovano lontani dalla patria e di coloro che temono di non rivedere più la terra natale. La “Heimwehe”, che letteralmente significa dolore della casa, della terra natale, ha una profonda risonanza evocativa. Heim in tedesco è molto più di casa, è focolare, luogo popolato da persone amate, dove ci si sente protetti, luogo al quale tornare, spazio-temporale al quale si appartiene, storia-vissuta di cui si partecipa pienamente; Heimat è la patria; unheimlich tutto ciò che è minaccioso, sconosciuto non familiare. Il corrispondente termine latino, nostalgia, è di derivazione greca da nostos, il ritorno in patria, e algos, dolore o sofferenza. “La malattia in esame può essere svelata osservando la tendenza alla tristezza, l’insofferenza verso i costumi stranieri, il disgusto verso i rapporti sociali, la violenta avversione verso ogni scherzo, verso la ben che minima ingiustizia; le costanti espressioni di lode verso il proprio paese e disprezzo nei confronti di ogni altra regione o contrada. L’essenza della malattia si rivela con tristezza continua, costante pensiero rivolto unicamente alla patria, sonno irrequieto addirittura insonnia, apprensione, insensibilità per la fame e la sete. Il tedio, il desiderio di rivedere i propri cari, la melanconia, la disperazione sono le manifestazioni evidenti” (Hofer, 1688, p. 48). Hofer ha osservato, già allora, come in una condizione di difficoltà reale e psicologica in un paese straniero, dove non si conosce la lingua, ci si scontra con abitudini

Anteprima della Tesi di Chiara Rosina Todaro

Anteprima della tesi: Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Rosina Todaro Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15770 click dal 29/09/2004.

 

Consultata integralmente 56 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.