Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 notato negli ospedali psichiatrici una presenza sproporzionatamente grande di immigrati, traendone la conclusione che questa popolazione sia particolarmente a rischio per la salute mentale. Per spiegare il fenomeno altri propongono la teoria “aliéné migrateur” (Foville, 1875), secondo la quale a migrare sono soprattutto soggetti disadattati che, a causa dei loro deficit psichici, si trovano a disagio nel paese di origine, non riescono ad integrarsi nel tessuto sociale, e per questa ragione, percorsi da un’insostenibile irrequietezza, si danno alla migrazione. Questo termine prende piede contribuendo a consolidare pregiudizi a volte tenaci nei confronti degli immigrati. Questa teoria, sostenuta a lungo, è in realtà stata una copertura a determinate ideologie discriminanti. Essa discute di quel che determina la partenza da casa e il fatto grave sta in ciò, che questa partenza, dovuta per lo più a costrizione e a violenza materiale e sociale, viene interpretata e addebitata invece a un disturbo psichico. La presunta maggiore morbilità psichica degli immigrati non corrisponde alla realtà. Basterebbe il senso comune ad escluderlo: la migrazione è qualcosa di assolutamente fisiologico nella specie umana. Gli uomini migrano da sempre. È difficile accettare sul piano concettuale che un fenomeno tanto diffuso, e connaturato alla specie umana, sia pure parzialmente, un portato della “psicopatologia”. Ricerche successive sono state condotte con criteri metodologicamente più corretti, confrontando gruppi di popolazione non solo sulla base dell’origine etnica, ma anche in considerazione di altri parametri che hanno una possibile influenza sulla salute mentale: il livello socio-economico, le condizioni abitative, la scolarizzazione.

Anteprima della Tesi di Chiara Rosina Todaro

Anteprima della tesi: Problematiche psicologiche nell'immigrazione: una lettura psicodinamica e transculturale, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Rosina Todaro Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15771 click dal 29/09/2004.

 

Consultata integralmente 56 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.