Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ricerca e provocazione come vie della fabbrica teatrale: il percorso artistico di Steven Berkoff

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 vincente del one-man-show, con One Man (che comprende The Tell-Tale Heart, Actor e l’esilarante Dog, attacco al tipico frequentatore ubriaco dei pub inglesi, con un cane più intelligente del padrone) nel 1993, e Shakespeare’s Villains (1998). Nel 1986 Berkoff scrive e mette in scena a Los Angeles la “commedia americana” Kvetch, che arriverà a Londra nel 1991 e frutterà all’autore l’“Evening Standard Award” come miglior commedia dell’anno: è uno dei pochi riconoscimenti che la stampa darà mai a Berkoff, e anche in questo caso più per un successo di botteghino che per una volontà di gratificare “Mr. Nasty”. Sempre nel 1986, Berkoff gira per la televisione Metamorphosis con un eccezionale Tim Roth come Gregor Samsa, e mette in scena all’Half Moon (dopo il rifiuto della Royal Shakespeare Company e del National Theatre) Sink the Belgrano!, che ripercorre amaramente la vicenda della guerra della Falklands (1982) e satirizza le scelte della Lady di Ferro che rinomina “Maggot Scratcher” (traducibile come “Verme Graffiante/Stridulo”); l’opinione pubblica, seppur infastidita, non vede nella commedia un grido di denuncia politica, ma solo il buon vecchio Berkoff che alza troppo la voce: ricordiamo tutti la fine del giovane che gridava sempre “Al lupo! Al lupo!” xxv . In questo periodo d’indignazione personale, l’attore dichiara di non voler accettare l’eventuale titolo di “Sir” concesso dalla Regina: i maligni attendono trepidanti questa remota possibilitá, solo per vedere se Berkoff manterrá la parola, rifiutando l’omaggio regale. Nel 1987 l’attore gira Prisoner in Rio e nel 1989 pubblicherà i diari del tempo, lamento incessante della sconfortante esperienza, col titolo di A Prisoner in Rio. Dopo la chiassosa messa in scena di Metamorphosis a Parigi con lo scarafaggio/ Roman Polanski, nel 1988 il produttore Joe Papp (“uno dei pochi illuminati che mi hanno dato fiducia”Ov,141) commissiona a Berkoff la regia di Coriolanus per il New York Shakespeare Festival, con Christopher Walken come protagonista: lo scontro tra le due forti personalità dell’attore e del regista non renderà agevole il lavoro delle prove, ma lo spettacolo avrà un discreto

Anteprima della Tesi di Luisa Ricci

Anteprima della tesi: Ricerca e provocazione come vie della fabbrica teatrale: il percorso artistico di Steven Berkoff, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luisa Ricci Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2630 click dal 05/10/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.