Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ricerca e provocazione come vie della fabbrica teatrale: il percorso artistico di Steven Berkoff

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 successo. Coriolanus verrà ripreso in Germania con attori tedeschi (altra esperienza infelice, raccontata nell’ennesimo diario Coriolanus in Deutschland, 1992) e a Londra nel 1995 con Berkoff come protagonista: tentando con questo spettacolo di salvare dal fallimento il Mermaid Theatre, il regista perderà una cospicua somma di denaro e scatenerà come al solito una catena di polemiche sulla stampa nazionale, che affonderà avidamente le mani nella disfatta di un Berkoff troppo sicuro delle sue doti imprenditoriali. Il 1989 è l’anno del ritorno al National Theatre: per volontà della vedova Joan Plowright, Berkoff è chiamato a rimpiazzare in cartellone l’appena scomparso Laurence Olivier (“anche questo è un segno del destino!” FA,361) e mette in scena Salome xxvi , già allestita a Edimburgo, in cui interpreta l’amata parte di Herod: lo spettacolo non viene accolto favorevolmente, in particolare per la scelta registica di far recitare gli attori in “slow-motion” il testo di Oscar Wilde, già di per sé poco amato e assente dalle scene inglesi da cinquant’anni. L’allestimento verrà accolto calorosamente nel tour mondiale, che porterà Berkoff fino in Giappone, paese in cui l’attore è molto apprezzato xxvii . Nel 1989 Berkoff mette in scena Metamorphosis a New York con Mikhail Barishnikov come Gregor: è la prima esperienza teatrale del danzatore, che riesce ad essere convincente grazie alle sue straordinarie attitudini atletiche, necessarie per il massacrante ruolo. Nello stesso anno viene pubblicato il libro dal titolo pretenzioso I am Hamlet, in cui l’autore raccoglie le considerazioni sulla sua interpretazione di Hamlet, dando voce ai suoi pensieri durante i momenti dello spettacolo. Nel 1990 l’attore mette in scena lo stranamente naturalistico Acapulco xxviii (scritto sulla falsa riga dell’esperienza fatta durante le riprese di Rambo II), ed è molto fiero del Greek andato in scena a Parigi per la regia di George Lavelli; Greek diventa anche un’opera in musica, con l’adattamento di Mark Antony Turnage.

Anteprima della Tesi di Luisa Ricci

Anteprima della tesi: Ricerca e provocazione come vie della fabbrica teatrale: il percorso artistico di Steven Berkoff, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luisa Ricci Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2631 click dal 05/10/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.