Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ricerca e provocazione come vie della fabbrica teatrale: il percorso artistico di Steven Berkoff

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 1. UNA BIOGRAFIA INTERESSANTE Leslie Steven Berkoff : “Legendary actor, director, playwright, author”, come lui stesso proclama nella pagina iniziale del suo sito internet ufficiale i , occhi di ghiaccio, testa perennemente rasata, giacca e pantaloni di pelle nera che da trent’anni indossa come una divisa da battaglia, forte accento cockney, che guida una Jaguar XJ6 e ha abbandonato l’East End per un più esclusivo appartamento sul fiume nei Docklands londinesi, con una passione per il nuoto e un’idiosincrasia per gli unti pub inglesi, è uno di quegli uomini che, come di usa dire, “si sono fatti da sé”; e ne va molto fiero, tanto da non perdere l’occasione di rimarcarlo in quasi ogni intervista che concede. Nasce il 3 Agosto del 1937, da una famiglia d’origine russo-rumena, a Stepney, nell’East End ebrea di Londra. Il padre Abraham (Al) decide di modificare il cognome da Berkovitch a Berks, per non far trapelare le origini semite, e Steven stesso vorrà riappropriarsi della sua identità etnica, cambiandolo in Berkoff. Trascorre i primi anni della sua vita a Luton, da dove l’intera famiglia viene evacuata dopo i bombardamenti tedeschi del 1942: inizia la travagliata odissea di un bambino che fino ai dodici anni non conoscerà una casa stabile. Pauline (Polly) Berks e i suoi due figli (Steven e la sorella Beryl) emigrano negli Stati Uniti e vengono accolti per carità da alcuni famigliari a New York, nel Bronx. Per Steven l’America significa la terra promessa, una nuova scuola, un’esistenza migliore; l’avventura dura solo quattro mesi: la famiglia s’imbarca di nuovo sulla “Queen Elizabeth” e viene accolta a Londra da Al, ancora senza fissa dimora, che Steven conquisterà nel 1950 quando si trasferirà a Manor House, nell’East End ii . La presenza del padre, un sarto che confeziona “zoot suits” iii e che scoraggia il figlio a praticare il suo mestiere (“Peccato, perché avevo stile. A quei tempi un vestito era la tua arma, e il modello e il colore definivano lo status e il tuo senso estetico” FA,15), è una figura assente, aggressiva, fredda, enigmatica.

Anteprima della Tesi di Luisa Ricci

Anteprima della tesi: Ricerca e provocazione come vie della fabbrica teatrale: il percorso artistico di Steven Berkoff, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luisa Ricci Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2631 click dal 05/10/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.