Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

11 Settembre 2001 "Per non dimenticare"

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 era fermato. I telefoni pubblici ed i cellulari avevano smesso improvvisamente di comunicare tra loro, l’elettricità era stata interrotta, si erano fermate le scuole, gli uffici, le Borse, le banche, gli autobus, le linee metropolitane, i negozi, ecc. Il cuore di New York, da quel fatidico momento, aveva smesso di pulsare. La Federal Aviation Administration, l’autorità che gestisce il traffico aereo degli Stati Uniti, per tenere sotto stretto controllo tutti i voli che operavano sui cieli americani, a quel punto decise di chiudere tutti gli aeroporti statunitensi, con la conseguenza che i voli transatlantici da e per gli USA, nonché tutti i voli nazionali, furono fatti rientrare o dirottati sul Canada o in Messico. Contemporaneamente, dati gli eventi, il presidente Bush ordinava l’abbattimento di qualsiasi aereo non identificato, o velivolo commerciale che non avesse risposto agli ordini delle torri di controllo, anche nel caso si fosse trattato di un volo di linea. Nel frattempo, poco dopo le 10, mentre l’ala del Pentagono colpita dal jet dell’American Airlines crollava rovinosamente al suolo, il volo 93 dell’United Airlines, che trasportava 45 persone, precipitava nella contea di Somerset in Pennsylvania, nelle campagne a sud est di Pittsburgh. Quel Boeing 757 era partito alle 8.10 dall’aeroporto di Newark, nel New Jersey, per San Francisco, ma anch’esso invece fu dirottato, con probabile obiettivo la Casa Bianca. La causa della caduta dell’aeromobile poteva essere attribuita ad una possibile rivolta dei passeggeri a bordo, oppure un'altra supposizione, seppur poco attendibile e fermamente smentita dalle autorità militari, ma da non escludere completamente, ipotizzava che l’aereo fosse stato abbattuto da jet militari, che erano stati messi in stato d’allerta per la circostanza. Alle 10.29 anche la Torre Nord, la prima ad essere colpita, seguendo la stessa sorte della torre gemella, collassava crollando al suolo, cancellando così tutte le speranze e le attese di chi ancora si era illuso che potesse verificarsi un miracolo, e di chi aveva intrappolato al suo interno qualche parente o persona cara. Si ripeteva così, come in un tragico playback, il terrificante spettacolo accaduto solo mezz’ora prima, in uno spaventoso scenario di morte e distruzione.

Anteprima della Tesi di Franco Pallassini

Anteprima della tesi: 11 Settembre 2001 "Per non dimenticare", Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Franco Pallassini Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9687 click dal 16/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.