Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riforma ''Biagi''. Titolo V. Tipologie contrattuali a orario ridotto, modulato o flessibile: lavoro intermittente, ripartito e a tempo parziale.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9La seconda tipologia è il contratto di lavoro ripartito, conosciuto anche come job- sharing, che era già permesso da una circolare ministeriale, ma non aveva ancora ricevuto la propria consacrazione normativa, risultando permesso, ma non disciplinato con puntualità. Si prevede in sostanza che due lavoratori si obblighino in solido all’esecuzione di un’unica prestazione di lavoro, ciascuno di essi responsabile dell’intera prestazione, la cui esecuzione sarà determinata discrezionalmente dai lavoratori stessi. La terza tipologia è il lavoro a tempo parziale che sicuramente interessa maggiormente gli addetti ai lavori a causa della sua ampia diffusione nei mercati del lavoro europei, ad eccezione di alcuni Paesi tra cui l’Italia. La disciplina è stata “modificata”, ma nella realtà è stata quasi riscritta, posto che il motivo ispiratore della riforma è notevolmente mutato, così come i suoi vincoli. In particolare, il proposito è incentivare l’utilizzo della tipologia attraverso la flessibilizzazione nell’utilizzo della stessa, facilitando largamente l’esercizio del datore di lavoro della facoltà di gestire in forma più flessibile la prestazione del lavoratore. La norma distingue tra tre varianti: lavoro a tempo parziale orizzontale, verticale e misto, intendendo con il primo un lavoro eseguito giornalmente ad orario ridotto, con il secondo un lavoro eseguito a tempo pieno, ma solo in alcuni giorni della settimana o in alcuni periodi del mese o dell’anno, e con il terzo una combinazione dei due precedenti. L’obiettivo della tesi è riuscire a fare un po’ di luce all’interno della giungla del mercato del lavoro e analizzare con la maggior profondità critica possibile le opportunità proposte dal decreto con la speranza di tutelare le esigenze di tutti – imprenditori e lavoratori. Si analizzeranno, di conseguenza, i punti di forza delle tipologie contrattuali previste dal decreto, non dimenticando, tuttavia, di sottolineare i problemi giuridici e sociali sollevati dall’esigenza di flessibilizzare il mercato del lavoro.

Anteprima della Tesi di Fabio Sacco

Anteprima della tesi: Riforma ''Biagi''. Titolo V. Tipologie contrattuali a orario ridotto, modulato o flessibile: lavoro intermittente, ripartito e a tempo parziale., Pagina 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Sociologia

Autore: Fabio Sacco Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8710 click dal 30/09/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.