Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli uffici stampa delle pubbliche amministrazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 informazioni concretamente adotteranno esulano completamente dagli scopi e dal raggio d’azione di chi informa” 12 . Nel comunicare, invece, l’obiettivo di chi comunica è proprio incentrato sul comportamento che il destinatario delle informazioni assumerà dopo la comunicazione. Un soggetto che comunica, lo fa sempre per modificare il comportamento o la visione del mondo del soggetto ricevente. “Se la comunicazione ha successo molti soggetti condividono la visione del mondo comunicata e, modificando di conseguenza i propri comportamenti, influiscono sul mondo nel senso desiderato dal soggetto fonte della comunicazione” 13 . Ma informazione e comunicazione differiscono anche per i soggetti coinvolti nelle due attività. Infatti, nell’informare si ha un soggetto attivo, la fonte delle informazioni, e uno o più soggetti passivi, chi le riceve: si tratta dunque di un rapporto unidirezionale. Nella comunicazione, invece, sia chi comunica e sia chi è bersaglio della comunicazione, sono soggetti attivi, perché, come già detto, la comunicazione raggiunge il suo scopo solo se il ricevente ne condivide il contenuto e quindi modifica il suo comportamento. Polemiche ha invece suscitato, tra studiosi e professionisti del settore, la distinzione che tra informazione e comunicazione ha operato l’ultima legge in materia, la 150/2000, di cui questo lavoro si occuperà soprattutto in riferimento agli uffici stampa delle pubbliche amministrazioni 14 . La legge ha infatti utilizzato come criteri distintivi, da una parte i destinatari delle due attività, dall’altra i soggetti competenti all’interno della pubblica amministrazione a svolgere queste funzioni. 12 ARENA G., La funzione pubblica di comunicazione, in G.ARENA (a cura di), La funzione di comunicazione nelle pubbliche amministrazioni, Rimini, 2001, pg. 50 13 ibidem, pg.50 14 Si tratta della legge intitolata “Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni”. Per gli aspetti che riguardano gli uffici stampa vedi il II capitolo di questo lavoro, per tutti gli altri aspetti vedi manuali di comunicazione pubblica come GRANDI R., La comunicazione pubblica, Roma 2002 o MANCINI P., Manuale di comunicazione pubblica, Roma-Bari 2002

Anteprima della Tesi di Stefania Pinna

Anteprima della tesi: Gli uffici stampa delle pubbliche amministrazioni, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefania Pinna Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3603 click dal 23/11/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.