Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli uffici stampa delle pubbliche amministrazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

22 della partecipazione, i quali non potrebbero essere tutelati con una mancanza, parziale o inadeguata, di informazione. Ma anche l’articolo 1, che stabilisce la sovranità popolare, e l’articolo 2, che custodisce la garanzia del pieno sviluppo della persona umana, insieme all’articolo 3 presuppongono che le scelte operate dai governanti debbano essere conosciute dai governati. Inoltre l’articolo 97, che fissa il principio di imparzialità della pubblica amministrazione, unito a quello di democraticità dell’ordinamento (articolo 1), stabiliscono che il potere pubblico deve svolgersi non nel mistero e nel segreto, ma nel modo più trasparente possibile. La dottrina costituzionalista è stata concorde nel ritenere che dall’articolo 21 si deduca sia il diritto dei cittadini ad essere informati e sia il dovere per l’amministrazione di utilizzare tutti mezzi disponibili per dare effettiva garanzia di partecipazione ai cittadini e di conoscenza del proprio operato. Fois ha rilevato all’interno della categoria dei nuovi diritti 17 “il diritto di sapere come versione dinamica del diritto ad essere informati; il diritto di accedere alle informazioni che individualmente ci riguardano; il diritto ad essere informati in maniera obiettiva, corretta e completa; il diritto di cercare, ricevere e trasmettere informazioni come distinto da quello di manifestare il pensiero; più in generale si è parlato del complesso dei diritti relativi all’informazione come qualcosa da ricomprendere in un nuovo «diritto alla democrazia»” 18 . Il dibattito sull’articolo 21 è tuttora aperto. Senza riaprirlo in questa sede, in questo lavoro è comunque sostenuta l’idea secondo cui, se anche non ci fosse un esplicito riferimento costituzionale 17 I diritti definiti nuovi sono quelli nati dalla nuova complessità sociale, dalla maggior presa di coscienza da parte degli individui delle proprie libertà e dalla ridefinizione del rapporto Stato- cittadini. Tra questa categoria si inseriscono, ad esempio, il diritto alla salute, alla salubrità dell’ambiente di vita e di lavoro, all’abitazione, all’identità personale, all’identità sessuale. All’interno di questi, si pone, dunque, anche il diritto all’informazione. 18 FOIS M., Nuovi diritti di libertà, in A. VIGNUDELLI (a cura di), La libertà di informazione, Rimini 1991.

Anteprima della Tesi di Stefania Pinna

Anteprima della tesi: Gli uffici stampa delle pubbliche amministrazioni, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefania Pinna Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3603 click dal 23/11/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.