Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli uffici stampa delle pubbliche amministrazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Ma le prime caratteristiche che la notizia proveniente da un’istituzione deve possedere, sono la correttezza, la completezza e l’imparzialità. Anche, e soprattutto, da quest’angolazione, il giornalista è la figura più adatta a tutelare un’informazione «pulita»: il giornalista, infatti, in virtù delle regole insite allo svolgimento della sua professione, è vincolato dal rispetto di un’etica professionale (sancita anche a norma di legge 1 ) che lo rende, almeno in teoria, garante di un’informazione corretta. Verità, lealtà, buona fede: sono solo alcune delle regole cui il giornalista non può sottrarsi nell’esercizio della sua professione. E’ però d’altra parte impossibile negare la distanza, più volte verificatasi, tra i principi sanciti (con la legge, i codici deontologici, le regole dettate dall’Ordine dei giornalisti) e la pratica quotidiana del lavoro. L’esistenza di norme che regolano la professione, cioè, pur costituendo un buon punto di partenza per la tutela del diritto del cittadino ad un’informazione corretta, non può essere considerata in alcun modo esaustiva e proporzionata alla necessità. Si pone dunque l’esigenza di garanzie ulteriori, che offrano, da una parte, il diritto all’informazione della collettività, e, dall’altra, il diritto dell’amministrazione ad informare. Il fulcro della questione è, come sostenuto in questo lavoro, nella ridefinizione dell’attività dell’ufficio stampa secondo il principio di imparzialità, che di fatto impedisca la discrezionalità e la faziosità dell’informazione. Forte è ancora, infatti, la tentazione, da parte dei vertici politici dell’amministrazione, di condizionare l’informazione rendendola a loro favorevole e, quindi, di trasformare l’attività di ufficio stampa da attività istituzionale, quale dovrebbe essere, in attività di comunicazione prettamente politica. Ma tali tentativi andrebbero a ledere proprio quel diritto all’informazione che i 1 Il principale riferimento è alla legge n.69 del 1963, sull’«Ordinamento della professione giornalistica», che, seppure visibilmente annosa, contiene diritti e doveri del giornalista ancora validi per l’esercizio della professione

Anteprima della Tesi di Stefania Pinna

Anteprima della tesi: Gli uffici stampa delle pubbliche amministrazioni, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefania Pinna Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3603 click dal 23/11/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.