Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione e studio del comportamento termico di pannelli sandwich contenenti materiale a cambiamento di fase (PCM) tramite analisi numerica e sperimentale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 1 Introduzione I.1) Mutazioni climatiche: l’uomo come causa primaria Dall’origine della terra, circa 5 miliardi di anni fa, si sono succeduti molti cambiamenti climatici che hanno visto l’affermarsi di periodi freddi (culminati nelle glaciazioni), e periodi di clima temperato o caldo. Tali mutazioni sono state la causa delle modifiche della superficie della terra e della vita degli organismi che abitano su di essa, che hanno cercato di adattarsi alle condizioni climatiche che trovavano. Sono molteplici le ere climatiche riscontrabili nel corso dei millenni: quella in cui attualmente viviamo è cominciata a metà dell’Ottocento, circa 150 anni fa; all’epoca, la temperatura media della terra ha cominciato ad aumentare rispetto ai periodi precedenti e questa tendenza è valida anche oggi. È parere pressoché unanime che tutto ciò sia causato dalle attività umane e, per convincersi, è sufficiente pensare all’effetto serra. In realtà esiste un effetto serra “naturale”, che è il fenomeno che descrive la capacità dell’atmosfera di trattenere sotto forma di calore parte dell’energia proveniente dal sole: ciò avviene grazie alla presenza di alcuni gas serra presenti nell’atmosfera. Nella tabella sottostante sono riportati i gas serra, sia quelli presenti in natura, sia quelli prodotti dall’uomo. CO 2 (anidride carbonica) È presente in natura nella biosfera, negli oceani, nella geosfera e nell’atmosfera: grazie agli scambi che avvengono tra questi grandi serbatoi, si stabilisce un equilibrio naturale che non è per niente dannoso CH 4 (metano) Si produce dalla degradazione di materiale organico in assenza di ossigeno; altre emissioni sono dovute alle attività umane (perdite di gas naturale ed altri combustibili, agricoltura, discariche, ecc.) NO 2 (protossido di azoto) È introdotto in atmosfera quasi esclusivamente da alcuni fertilizzanti usati in agricoltura e da alcune produzioni industriali: è un gas “serra” molto potente e, pur se presente a bassa concentrazione, ha un tempo di permanenza molto elevato (circa 120 anni) CFC, HFC, CF 4 Sono composti chimici che contengono cloro, fluoro, bromo e iodio. Con il protocollo di Montreal ne è stato vietato l’uso (il clorofluoro – CFC – e i carburi sono responsabili del buco nell’ozono); tuttavia anche i prodotti sostitutivi (HFC e CF 4 ) sono potenti gas “serra” Tabella I.1 – I gas serra naturali e quelli prodotti dalle attività umane

Anteprima della Tesi di Marco Ferrini

Anteprima della tesi: Progettazione e studio del comportamento termico di pannelli sandwich contenenti materiale a cambiamento di fase (PCM) tramite analisi numerica e sperimentale, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Ferrini Contatta »

Composta da 313 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4778 click dal 29/09/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.