Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Experiential marketing. Un'esperienza nel settore dell'arredamento.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

eXPeriential marketing Ci si sta muovendo, dunque, da una visione focalizzata su un unico prodotto, a uno spazio di significati che i prodotti possono avere per il consumatore passando attraverso un vettore di consumo socio- culturale (SCCV). Le persone quindi non valutano i prodotti come semplici oggetti, analizzandone attributi e benefici, ma piuttosto si chiedono come quegli oggetti possano essere inseriti nella propria situazione di consumo, analizzando le possibili esperienze positive che questi possono far nascere. Attraverso una visione così ampia e “indefinita” del mercato, le aziende sono in grado di creare nuove opportunità di guadagno e aprire nuovi orizzonti di cross-selling. Un esempio di approccio cross-selling basato sulle situazioni di consumo può essere preso dall’IKEA, azienda che nel 1998 era la terza azienda Svedese dopo Ericsson e Astra, con 140 negozi sparsi in 29 nazioni diverse. Nei suoi negozi, gli articoli di arredamento e gli accessori sono disposti come parte di una situazione di consumo, in modo da creare un immaginario stile di vita al quale le persone possono rapportarsi e relazionarsi. Le sue brochures descrivono i prodotti mentre vengono utilizzati: ad esempio nella Figura 4 si può notare molto bene la situazione di consumo tipica per delle tazzine, degli sgabelli, una cucina e quant'altro appare nell'immagine. Una ulteriore convinzione degli studiosi di marketing esperienziale sta nella certezza che le opportunità migliori per influenzare il valore della marca sono concentrate nel periodo post-acquisto. L’esperienza di consumo infatti ha un effetto determinante nella valutazione della performance e nella creazione della fedeltà alla marca. - 15 - Figura n.3 S.C.C.V. (Socio Cultural Consumption Vector) (fonte: Schmitt, 1999, p. 28) Hamburger Pasto frugale Stile di vita salutista Categorie di consumo (ad.es., uscire per consumare un pasto frugale) Contesto Socio-Culturale (ad.es., necessità di cibo con pochi grassi, dietetico) S. C. C. V. S.C.C.V. - VETTORE DI CONSUMO SOCIO – CULTURALE (ad.es., mangiare un hamburger come parte di un pasto frugale, dato che sono a dieta)

Anteprima della Tesi di Andrea Ruffini

Anteprima della tesi: Experiential marketing. Un'esperienza nel settore dell'arredamento., Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Ruffini Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8638 click dal 11/10/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.