Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Experiential marketing. Un'esperienza nel settore dell'arredamento.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

eXPeriential marketing dei consumatori; i posizionamenti effettuati prendendo in considerazione dimensioni molto ampie e senza significato, come la qualità, l'innovazione, i servizi e la leadership di prodotto, che adesso come adesso sono attributi così comuni da non significare più nulla per i consumatori. 1.5.6 Il branding Le strategie di branding senz'altro non hanno guardato ai prodotti solo in termini di attributi e benefici. II patrimonio della marca (Brand Equity) infatti viene collegato ai “vantaggi (e agli svantaggi) collegati al brand, al suo nome e al segno” (Aaker, 1991). II più delle volte però, le marche sono state usate, come dei marcatori che identificano il produttore e garantiscono la qualità, servendo solo a differenziare il proprio prodotto da quello degli, o a identificarlo come “prodotto di marca” o “prodotto comune”. BRAND = ID Come si può notare, questa visione non contempla una delle caratteristiche principali della marca, ovvero quella di essere un “ricco dispensatore di sensazioni, affetti e associazioni cognitive che che siano in grado di creare un’esperienza di marca memorabile, capace di rimanere impressa nella memoria dei consumatori il più a lungo e il più profondamente possibile” (Schmitt, 1999). I consumatori sono stufi dei soliti prodotti e delle solite marche. Si aspettano lo sviluppo di soluzioni innovative, di prodotti che rompano con il passato e di marchi stimolanti ai quali ci si possa relazionare (Schmitt, 1999). Le ricerche condotte da molte brand agencies hanno dimostrato che, in questa società, per avere successo non sono più sufficienti la familiarità e la qualità percepita del marchio. Manning Selvage & Lee3 hanno evidenziato nelle loro ricerche che i brand leaders non hanno solo un nome facile do ricordare e una buona immagine, ma sono anche dei provider 3 Agenzia di ricerca di New York - 11 -

Anteprima della Tesi di Andrea Ruffini

Anteprima della tesi: Experiential marketing. Un'esperienza nel settore dell'arredamento., Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Ruffini Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8639 click dal 11/10/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.