Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione della ricerca scientifica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I Introduzione L’uomo è spinto da un bisogno innato alla scoperta e allo studio di se stesso e del mondo che lo circonda. Le conoscenze che egli ha acquisito nel tempo hanno contribuito sensibilmente a migliorare le sue condizioni di vita. Solo nel corso del ventesimo secolo, tuttavia, la teoria economica ha iniziato a studiare il legame tra produzione di conoscenza e sviluppo economico, attribuendo un peso sempre crescente al sapere rispetto ai fattori di produzione capitale e lavoro. Di pari passo cresceva la consapevolezza di come l'attività di ricerca ed i suoi risultati avessero delle peculiarità rispetto ad altre forme di produzione e che fosse necessario l'intervento dello Stato per ottenere un livello adeguato di investimento. Una volta compresa l’importanza della ricerca, le sue peculiarità e la necessità dell’intervento dello Stato, diventa fondamentale individuare meccanismi che possano garantire la produttività dell’attività di ricerca nelle strutture pubbliche. Le imprese, operando in un contesto di mercato, hanno nel confronto tra costi e ricavi uno strumento per verificare l'efficienza della propria attività e nella concorrenza di mercato un incentivo fortissimo a perseguire tale efficienza. Lo Stato non può fare riferimento né all'uno né all'altro, di conseguenza, per rendere maggiormente efficiente e produttiva l'attività delle amministrazioni pubbliche, si devono individuare un sistema di parametri di efficienza e di incentivi interni: per l’attività di ricerca, la valutazione svolge tale compito, in quanto guida l'allocazione efficiente degli investimenti e stimola i soggetti che fanno ricerca all'interno delle strutture pubbliche. La valutazione della ricerca è un'attività che si è sviluppata prevalentemente nel corso degli ultimi decenni, inizialmente nei paesi anglosassoni e del nord Europa e progressivamente negli altri paesi del occidentali. L'attività di valutazione può essere condotta in diversi momenti e riguardare diversi aspetti. Per definire le caratteristiche del sistema di valutazione da implementare è necessario definire alcuni elementi preliminari; in base all’intervallo temporale si può distinguere, per esempio, tra valutazione ex-ante, che valuta l'oggetto prima della sua implementazione; valutazione interim, condotta nel corso della sua implementazione; e valutazione ex-post, che analizza i risultati della ricerca; oppure, a seconda del livello al quale si conduce, la

Anteprima della Tesi di Marco Seeber

Anteprima della tesi: La valutazione della ricerca scientifica, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Seeber Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4348 click dal 05/10/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.