Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Possibilita' ed autonomia della democrazia nei paesi islamici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 partecipativa in cui si manterrebbe invece intensa, ad ogni livello, la partecipazione popolare. Che si accetti o meno la definizione datane da Schumpeter, il requisito fondamentale perché si abbia un regime democratico è dunque rappresentato dall’allargamento a tutti i cittadini, con il solo limite dell’età, del diritto di voto. Tuttavia, occorre subito chiarire che, se il suffragio universale rappresenta la condizione essenziale di un regime democratico, quest’ultimo non può però prescindere dall’esercizio di quelle attività (critiche pubbliche, forme diverse di contestazione) e di quei diritti (stampa, riunione, informazione, espressione) indispensabili per una libera e consapevole strutturazione del voto. Per parte sua, Robert Dahl ha individuato all’interno del processo di democratizzazione una fase di liberalizzazione, intesa come ampliamento delle opportunità di contestazione, la quale trasforma i regimi chiusi in oligarchie competitive, e una fase di inclusività, in cui il potere continua ad essere detenuto dalle élites dominanti, ma dove tutti hanno la possibilità di partecipare alla vita pubblica. Liberalizzazione e inclusività determinano una diffusione del potere politico tra una pluralità di detentori (poliarchia). L’indagine condotta da Dahl sulle poliarchie si è posta dunque l’obiettivo di individuare le condizioni politiche ritenute necessarie per l’affermazione di un regime democratico e per il suo mantenimento grazie ad uno strato possibilmente ampio di attivisti che abbia interiorizzato le norme democratiche di reciproca legittimazione, tolleranza politica e conflitto controllato 2 . Nell’opinione di questo studioso, ciò sta a significare che, per arrivare alla democrazia, è necessario garantire le condizioni migliori affinché tutti possano prendere parte al gioco politico: un obiettivo che viene raggiunto quanto tutti i cittadini si sentono uguali (anche se ovviamente – e Dahl per primo ne è ben consapevole - non lo sono) 2 Cfr. R. A. DAHL, Intervista sul pluralismo, a cura di Giancarlo Borsetti, Laterza, Roma-Bari 2002, citato in G. PASQUINO, op. cit., p. 251 sg.

Anteprima della Tesi di Giovanni Carullo

Anteprima della tesi: Possibilita' ed autonomia della democrazia nei paesi islamici, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Giovanni Carullo Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2078 click dal 05/10/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.