Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il project financing nel settore delle utilities

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 1.2 Uno schema per l’analisi dei fondamenti economici del project financing: la teoria dei costi d’agenzia Il ricorso alla teoria dei costi di agenzia come strumento per lo studio della razionalità economica di un’operazione di project financing è giustificabile dall’esigenza di individuare uno schema cognitivo che, in modo organico e coerente, permetta di interpretarne tutte le principali caratteristiche. La teoria di cui parliamo ha infatti il vantaggio di essere nei suoi tratti fondamentali molto astratta e quindi suscettibile di applicazione in molteplici contesti: essa è incentrata sulle relazioni che intercorrono tra un soggetto denominato principal, ed un altro soggetto, detto agent, remunerato per assumere decisioni nell’interesse del primo. Le relazioni che tra di essi intercorrono sono caratterizzate da asimmetrie informative così che l’agent ha la possibilità di perseguire interessi privati eventualmente in conflitto con quelli del proprio principal, da ciò deriva che il punto qualificante dell’analisi di tali relazioni consiste nell’individuazione delle condizioni ambientali e dei meccanismi che consentano di massimizzare l’utilità complessiva del sistema principal-agent. Proprio la generalità di tale schema teorico ne permette l’applicazione in diversi contesti: Berle e Means nel 1932 per primi hanno incentrato l’attenzione sui possibili conflitti di interesse tra azionisti e management nell’ambito delle public company statunitensi, creando così le premesse di successivi lavori quali, quelli di Ross nel 1973, Jensen e Meckling nel 1976, Fama e Jensen nel 1983, le cui applicazioni vanno dall’interpretazione della struttura finanziaria dell’impresa allo studio della corporate governance. Ma tale teoria ha pure trovato applicazione nello studio del fenomeno del razionamento del credito in presenza di tassi di interesse crescenti (Stiglitz e Weiss ), nell’interpretazione delle politiche di dividendo o della

Anteprima della Tesi di Nicola De Toro

Anteprima della tesi: Il project financing nel settore delle utilities, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Nicola De Toro Contatta »

Composta da 236 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5310 click dal 12/10/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.