Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prove di incollaggio per legno lamellare di Robinia Pseudoacacia L. destinato all'impiego in ambiente esterno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 1.2.3 Movimenti dell’adesivo L’adesivo o meglio, la linea di colla, quando sottoposta a pressione, subisce una se- rie di movimenti (Figura 1.2) che possiamo suddividere convenientemente nelle se- guenti fasi (Marra, 1992): ξ Scorrimento superficiale: Dopo che la colla è cosparsa sulla superficie da incollare e gli aderendi sono messi a contatto tramite l’applicazione di una pressione, inizia la distribuzione dell’adesivo sul piano del giunto. Si tratta di un movimento di mas- sa in cui l’adesivo fluisce, riempie le macroirregolarità della superficie aumentando l’area di contatto dell’adesivo e formando una pellicola continua. Condizioni neces- sarie e sufficienti sono: - la presenza di una sufficiente quantità di adesivo; - una sufficiente fluidità dell’adesivo; - l’applicazione di una pressione al contatto tra le due superfici opposte. Questo movimento, oltre a determinare la dispersione dell’adesivo sulla superficie incollata, determina il trasferimento alla superficie opposta di parte dello stesso (superficie non incollata). ξ Penetrazione: Sempre sotto l’azione della pressione, l’adesivo ha modo di penetrare nei pori e nelle microfessure del legno sia della superficie incollata che di quella opposta. Anche questo è un movimento di massa che, a causa delle piccole cavità e fessure in cui l’adesivo deve introdursi, richiede una maggiore fluidità. ξ Bagnamento: In questa fase si ha lo sviluppo di forze intermolecolari tra l’adesivo ed il legno. Non si tratta più di movimento di massa come nel caso dello scorrimen- to e della penetrazione, ma bensì della distribuzione dell’adesivo ancora liquido sul- la superficie ed all’interno del legno ad opera delle forze di adesione. Trattandosi di forze secondarie, non si produce se la distanza tra le molecole dell’adesivo e quelle del legno supera il raggio d’azione delle forze intermolecolari. Questa manifesta- zione dell’affinità esistente tra liquido e solido, è normalmente espressa in funzione dell’angolo formato da una goccia di liquido poggiata su di una superficie solida.

Anteprima della Tesi di Antonio Campani

Anteprima della tesi: Prove di incollaggio per legno lamellare di Robinia Pseudoacacia L. destinato all'impiego in ambiente esterno, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Antonio Campani Contatta »

Composta da 353 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7730 click dal 18/10/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.