Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mercato discografico e Internet: risposte strategiche degli operatori del settore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 genesi della popular music, (“pop”) nella sua più larga accezione di musica che giunge al maggior numero possibile di persone. Questa concezione della popular music deriva da un susseguirsi di circostanze che caratterizzarono gli Stati Uniti d’America nella prima metà dello scorso secolo: prima fra tutte la crisi economica del 1929; difatti in ogni caso la popular music si contestualizza nella parte del mondo in cui il mercato è più attivo e frenetico e in particolar modo negli USA. Come è facilmente comprensibile però, le diverse espressioni musicali sono nate e continuano ad evolversi in differenti aree geografiche del globo; le tradizioni culturali, sociali ed economiche hanno un peso preponderante nello sviluppo di tale argomento e a ben guardare quindi, il genere, il mercato e la produzione più rilevanti al mondo sono proprio quelli relativi alla popular music occidentale. Negli Stati Uniti d’America la discendenza più remota della attuale musica da consumo può essere rintracciata alla fine del diciannovesimo secolo, periodo in cui la popolazione che successivamente prenderà il nome di afroamericana fu trasportata nel nuovo continente alla stregua di macchinari da poter utilizzare per i lavori fisicamente più faticosi. Da questo periodo in poi verranno a mescolarsi le tradizioni dei suoni africani con le concezioni musicali delle grandi metropoli operose e industrializzate; prenderà forma il primo e ancora crudo blues. Il ventesimo è il secolo della definitiva nascita del music business: nel prima metà il jazz, impersonato dalle grandi orchestre, rappresenta la prima vera musica di massa, che ha come effetto la stretta ma solo momentanea convergenza di gusti e abitudini delle diverse classi sociali. 2 Nella seconda metà del secolo, dal 2 Sulla nascita del jazz esistono diverse teorie, tutte comunque giungono alla conclusione di cui è involontario portavoce LeRoi Jones secondo il quale il jazz ha origine dall’integrazione degli americani bianchi culturalmente, e quindi musicalmente, più colti con gli immigrati africani neri privi di un bagaglio di studio metodico di strumenti musicali, ma sicuramente più innovativi perché liberi dagli schemi musicali fino a quel momento utilizzati in occidente. LeRoi Jones, Il popolo del blues, sociologia degli afroamericani attraverso l’evoluzione del jazz, 1994, Milano.

Anteprima della Tesi di Giancarlo Bruno

Anteprima della tesi: Mercato discografico e Internet: risposte strategiche degli operatori del settore, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giancarlo Bruno Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7292 click dal 11/10/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.