Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il razzismo come pilastro istituzionale del capitalismo storico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 1.2 CAPITALISMO STORICO E RAZZISMO. I concetti di razza e razzismo non possono essere considerati categorie neutre o fatti naturali, al contrario essi sono artefatti, costruzioni sociali, prodotti storici che hanno la capacità di agire sul sociale e che possono essere usati come potenti armi ideologiche. Perciò “bisogna interrogarsi sul come e sul perché queste classificazioni sociali o queste credenze si impongono come se fossero indiscutibili dati della natura, occultando i giochi di potere, gli interessi economici, sociali e politici ad esse soggiacenti” (Gallissot, Rivera, 1997, p.5). Il razzismo, così come lo conosciamo oggi, è un portato del capitalismo storico e quindi dell’economia-mondo moderna. Nei sistemi storici precedenti a quello capitalistico esistevano comunque delle forme di razzismo, ma con caratteristiche completamente diverse dal razzismo sviluppatosi all’interno del capitalismo storico. E’ perciò necessaria un’analisi di questo fenomeno. Il capitalismo, che è la caratteristica che definisce il sistema-mondo moderno, è per definizione un sistema non egualitario; l’intento primario del capitalismo storico è stato quello di massimizzare l’accumulazione di

Anteprima della Tesi di Caterina D'elia

Anteprima della tesi: Il razzismo come pilastro istituzionale del capitalismo storico, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Caterina D'elia Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5115 click dal 21/10/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.