Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il delitto di istigazione o aiuto al suicidio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 famiglia e assicurando il diritto ad una sepoltura onorevole, ma elimina anche la confisca del patrimonio dalla lista delle pene. Ancora nella Francia rivoluzionaria, però, nel 1793 si assiste a quello che può essere considerato “l’ultimo e quasi simbolico atto nella storia della repressione del suicidio” 18 : la Convenzione, infatti, ritornando sostanzialmente ai principi del diritto romano, reintroduce la devoluzione al fisco del patrimonio degli imputati suicidatisi nel corso del processo; ma già l’anno successivo è la Convenzione stessa a tornare sui suoi passi e a disporre la restituzione alle famiglie dei beni nel frattempo confiscati. Da questo momento in poi la punizione della morte volontaria va progressivamente scomparendo dagli ordinamenti penali occidentali e con essa, sia i macabri e crudeli rituali sul corpo del suicida, sia l’applicazione delle sanzioni della confisca dei beni e dell’infamia alla famiglia superstite, ormai considerate contrarie al nuovo principio della personalità della responsabilità penale 19 . In Italia, l’art. 585 del Codice Albertino del 1839 prevede : “Chiunque volontariamente si darà la morte, è considerato dalla legge come vile, ed incorso nella privazione dei diritti civili, ed in conseguenza, le disposizioni di ultima volontà che avesse fatte, saranno nulle e di niun effetto: sarà, inoltre, il medesimo privato degli onori funebri di qualunque sorta. Il colpevole di tentativo di suicidio, quando l’effetto ne sia mancato, non per ispontaneo suo pentimento, ma per circostanze indipendenti dalla sua volontà, sarà condotto in luogo di sicura custodia, e tenuto sotto rigorosa ispezione da uno a tre anni” 20 . La depenalizzazione del suicidio si realizza compiutamente solo quando il Codice Penale del Regno di Sardegna del 1859 viene esteso, nel corso degli anni sessanta, a quasi 18 MARRA, op. cit., p. 92. 19 Cfr. MARRA, op. cit., pp. 93-94. 20 Cfr. SCLAFANI-GIRAUD-BALBI, op. cit., p. 12.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Mellace

Anteprima della tesi: Il delitto di istigazione o aiuto al suicidio, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Mellace Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6461 click dal 14/10/2004.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.