Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diffamazione a mezzo stampa e diritto di cronaca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 9 1.2 La libertà di informazione La libertà di informazione consta di tre profili autonomi e concorrenti individuati dalla dottrina e dalla giurisprudenza rispettivamente nella libertà d’informare, nella libertà di essere informati e nella libertà di informarsi. Nella sentenza n 105 del 1972 7 la Corte Costituzionale definisce il lato attivo della libertà di informazione nella ”libertà di dare e divulgare notizie, opinioni, commenti”. La libertà di informare prevede sia la comunicazione del proprio pensiero che il diritto di cronaca inteso come trasmissione di notizie e pensieri prevalentemente altrui. La libertà di espressione trova esplicito riconoscimento nell’art. 21 della Costituzione oltre ad essere riconosciuta in convenzioni e trattati internazionali sottoscritti e successivamente ratificati dallo Stato italiano. L’art. 19 della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo del 1948, l’art. 10 della Convenzione Europea del 1950 e l’art. 19 del Patto di New York del 1966 oltre a sancire il diritto di diffondere informazioni ed idee affermano il diritto di ricevere notizie. Siamo di fronte a quel lato passivo della libertà di informazione che è la libertà di essere informati. Mentre le fonti internazionali parlano di un diritto all’informazione passiva la Corte Costituzionale italiana riconosce a tale libertà soltanto valenza di interesse generale, riconosciuto indirettamente nell’art. 21 della Costituzione e nelle norme sul pluralismo. La libertà di informazione passiva prospetta un diritto del lettore a ricevere un’informazione corretta, pluralista e libera. La piena realizzazione della libertà di informazione passiva richiede non solo un comportamento non ingerente dello stato ma anche l’attivarsi dello stesso per garantire un’informazione pluralista, la divulgazione delle scoperte scientifiche, degli studi accademici e delle produzioni artistiche, la trasparenza dell’attività dei suoi organi. 7 Corte Cost. 105/1972, in http://www.giurcost.org/

Anteprima della Tesi di Rachele Campanini

Anteprima della tesi: Diffamazione a mezzo stampa e diritto di cronaca, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Rachele Campanini Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14369 click dal 15/10/2004.

 

Consultata integralmente 45 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.