Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto di accesso ai documenti amministrativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Con riferimento, in modo specifico, al tema dell’informazione sanitaria, la legge 23 dicembre 1978 n. 833, istitutiva del servizio sanitario nazionale, ha dedicato molta attenzione a questo argomento, prevedendo l’obbligo delle Unità sanitarie locali di fornire informazioni ambientali ai soggetti che fossero esposti a rischio, l’istituzione del registro dei dati ambientali e del servizio di informatica a livello regionale. Lo scopo di queste disposizioni è proprio quello di tracciare una mappa dei rischi presenti in un determinato territorio, che consenta di inquadrare la situazione di una zona sia sotto il profilo ambientale, sia sotto il profilo dello stato di salute dei cittadini. Per quanto riguarda la legislazione di settore, occorre mettere in evidenza, inoltre, il contributo importante fornito dalla legge n. 816 del 1985 sullo status degli amministratori locali. Tale legge, infatti, ha introdotto due norme di particolare importanza in materia di diritto di accesso: l’articolo 24 e l’articolo 25. Il primo dei due precisa i contenuti del diritto esercitato da parte dei consiglieri, il secondo, invece, introduce il diritto dei cittadini di prendere visione di tutti i provvedimenti adottati dai Comuni, dalle Province, dai Consigli circoscrizionali, dalle Aziende speciali di enti territoriali, dalle Unità sanitarie locali e dalle Comunità montane. In particolare, l’articolo 24 della legge n. 816/85 prevedeva che i consiglieri comunali ed i componenti degli altri organi elettivi locali per l’esercizio delle proprie funzioni avessero diritto a prendere visione dei provvedimenti dell’ente e degli atti preparatori in essi richiamati, ed il diritto di avere ogni informazione necessaria all’esercizio del mandato. 32 La legge istitutiva del Ministero dell’ambiente, la n. 349 del 1986, ha introdotto nel nostro ordinamento numerose disposizioni in materia di pubblicità degli atti e dei dati relativi all’ambiente ed ha previsto il diritto di accesso dei cittadini alle informazioni sullo stato dell’ambiente. Questa previsione, in modo particolare, ha anticipato la più ampia disciplina dell’accesso ai documenti amministrativi, 32 A. Pegoraro, Il diritto di informazione nella legge n. 816 del 1985 , in Dir. Regione, 1985, p. 675 s.

Anteprima della Tesi di Maurizio Ancona

Anteprima della tesi: Il diritto di accesso ai documenti amministrativi, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Ancona Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15473 click dal 15/10/2004.

 

Consultata integralmente 71 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.