Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia e storia operaia della miniera di Seui

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Nel febbraio 1914 la Società dei bariti 34 scrisse al Ferraris in merito a sopravvenute difficoltà circa la possibilità di realizzazione del trasporto di antracite della miniera di Corongiu. Nel giugno 1914, F. Olla 35 scrisse al Direttore delle Miniere per ragguagliarlo sulle trattative fra la Società Francese e Società Ferrovie Secondarie per arrivare ad un’intesa definitiva sui trasporti; per queste contrattazioni, la Direzione di Torino, delegò la Direzione dell’Esercizio di Cagliari. Le conclusioni a cui giunsero le due società erano piuttosto rigide: la società Francese si obbligava a provvedere, a proprie spese, al materiale rotabile occorrente, per un ammontare complessivo di Lit. 600.000; di contro, la Società delle Ferrovie, garantiva i trasporti, ma non era disposta a concedere alcuno sconto sulle tariffe in vigore. Il 1 luglio 1915 la società di Monteponi 36 esprimeva il desiderio di liberarsi dell’ingombrante onere stabilito all’atto di acquisto, pagando una tantum di Lit. 5.000 a favore della società cedente. L’ingegner Serra pagò, con denaro della società Monteponi, alla società di Correboi, il prezzo residuo del riscatto 37 , cioè Lit. 35.000, che chiudeva definitivamente i rapporti tra le due società in merito alla miniera di Corongiu. Il 26 marzo 1916 la Società di Monteponi informava la Società Italiana per le Strade Ferrate Secondarie del proseguimento della costruzione 38 della laveria meccanica necessaria per pulire e classificare il carbone subito dopo l’estrazione, ricordando di aver già chiesto l’autorizzazione a costruire, a proprie spese, una serie di sei tramogge in cemento armato per consentire il caricamento automatico del carbone sui vagoni. Gli impianti in oggetto dovevano essere approvati dall’autorità governativa competente ed essere conformi al progetto già presentato. La Società Monteponi si accollava tutte le spese inerenti al progetto, l’obbligo di assicurare il libero transito di tutti i treni della linea e la responsabilità di tutti i danni derivanti da negligenza del suo personale. 34 Documento dell’Archivio Storico di Iglesias 35 Documento dell’Archivio Storico di Iglesias 36 Documento dell’Archivio Storico di Iglesias: atto concernente il riscatto di canone tra Società di Monteponi e Società di Correboi 37 Documento dall’Archivio Storico di Iglesias 38 Documento dell’Archivio Storico di Iglesias

Anteprima della Tesi di Rita Loi

Anteprima della tesi: Storia e storia operaia della miniera di Seui, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Rita Loi Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3770 click dal 23/12/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.