Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema dei controlli sui comuni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2. - LE INNOVAZIONI DEL SISTEMA COSTITUZIONALE La disciplina costituzionale dei controlli sugli atti degli enti locali minori è racchiusa nell'art. 130, che recita: “Un organo della Regione, costituito nei modi stabiliti dalla legge della Repubblica, esercita, anche in forma decentrata, il controllo di legittimità sugli atti delle Province, dei Comuni e degli altri enti locali. In casi determinati dalla legge può essere esercitato il controllo di merito nella forma di richiesta motivata agli enti deliberanti di riesaminare la loro deliberazione”. La norma così formulata, nonostante le innovazioni circa l’introduzione del controllo di merito mediante richiesta di riesame, sembra confermare la continuità con il precedente sistema, soprattutto laddove prevede un sistema di controlli a cascata e l’ assoggettamento generalizzato di tutti gli atti degli enti locali (non solo di quelli amministrativi). Si rimane legati ad una concezione che vedeva i controlli “come mezzi di convalidazione degli atti degli enti minori, anziché come procedimenti autonomi di verifica indipendente della validità degli atti sottoposti a controllo” 9 . Si passa, secondo autorevole dottrina, da “un asservimento degli enti locali agli interessi politici del centro a un asservimento agli interessi politici periferici, forse aggravando gli inconvenienti del precedente sistema, che faceva apparire i comuni e le province quasi come enti dipendenti dello Stato” 10 . Il sistema dei controlli rappresenta, dunque, ancora una volta, lo strumento attraverso il quale lo Stato esercita il suo dominio sugli enti locali. L’ambiguità della norma, la sua vasta latitudine interpretativa e la sua efficacia differita nel tempo (collegata all’attuazione dell’ordinamento regionale, e più precisamente alla istituzione degli organi di controllo) costituiscono i punti deboli dell’impianto autonomistico sfruttati dal legislatore per riproporre un sistema ispirato 9 Benvenuti, I controlli amministrativi nello Stato e nella regione, 1972, p. 587 ss. 10 Sandulli , I controlli sugli enti territoriali nella Costituzione, p. 582

Anteprima della Tesi di Gianmario D'ambrosio

Anteprima della tesi: Il sistema dei controlli sui comuni, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmario D'ambrosio Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4293 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.