Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema dei controlli sui comuni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

formalmente al principio autonomistico ma sostanzialmente ancora legato alla pur sempre valida nozione di autarchia, “vera costante storica del nostro ordinamento”. 11 Dopo questa premessa è possibile analizzare il contenuto dell’articolo 130 Cost. Tra le più salienti novità del sistema costituzionale vi è l'attribuzione del controllo ad “un organo della Regione”. La dottrina tradizionale aveva sempre concepito il controllo sugli enti pubblici in genere ed enti locali in particolare come tipica funzione statale. Questa opinione dottrinale conseguiva logicamente alla concezione che si aveva della natura dello Stato e degli enti pubblici: lo Stato, personificazione dell'ordinamento giuridico e solo soggetto abilitato a qualificare tutto ciò che esiste nel suo ambito; gli enti pubblici, individuabili come tali proprio in forza della particolare relazione in cui si trovano con lo Stato. Ente pubblico, in particolare - secondo la dottrina dominante al tempo in cui è entrata in vigore la Costituzione - è l'ente che persegue fini che sono propri anche dello Stato, cosi che nel suo agire cura contemporaneamente il proprio interesse e l'interesse statuale. Ne consegue che lo Stato non può restare indifferente sia all’an che al quomodo dell'azione degli enti pubblici e risulta chiara allora, la titolarità, da parte dello Stato, di più o meno ampi poteri di controllo, rivolti a garantirlo dell'esercizio, legittimo ed opportuno, dei suoi compiti da parte dell'ente pubblico. Attraverso il controllo lo Stato recepisce nel suo ordinamento gli atti degli enti locali, cioè, attribuisce loro l'idoneità ad esplicare i propri effetti come atti dell'Amministrazione statale 12 . Secondo questa dottrina, l'assegnazione alla Regione del controllo sugli enti locali operata dall'art. 130 Cost., rappresenta “una deviazione dai principi”, tale da obbligare 11 Pugliano, Il controllo sugli atti degli enti locali tra conferma dell’autarchia e riconoscimento delle autonomie locali, Roma 12 Berti, I caratteri dell’amministrazione comunale e provinciale,1969 cap. I

Anteprima della Tesi di Gianmario D'ambrosio

Anteprima della tesi: Il sistema dei controlli sui comuni, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmario D'ambrosio Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4289 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.