Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema dei controlli sui comuni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

quando assume la massima espressione di autonomia politica ed è propria di enti a finalità generali,rappresenta pur sempre una libertà d’azione nei limiti della legge. I controlli di legittimità,in quanto rivolti a garantire l’osservanza dei limiti legislativi,non contrastano con l’autonomia degli enti locali,anzi sono connaturati al concetto stesso di autonomia 2 . Diverso è il discorso per i controlli di merito,i quali comportano un’indagine più penetrante del controllo di legittimità. Tale sindacato attua, nella sostanza, uno spostamento di competenze,determinando una cogestione degli stessi affari da parte dell’organo di controllo e di quello controllato. Allorché le scelte dall’ente locale possono essere disattese dall’organo di controllo,è evidente che il potere decisionale non compete più al solo soggetto controllato. Un controllo di merito così attuato non può non ritenersi lesivo dell’ autonomie locali. E quando gli atti sottoposti al controllo di merito sono numerosi e tra i più importanti per la vita degli enti,è necessario dubitare della effettiva esistenza delle autonomie locali. In un sistema costituzionale come il nostro, che esalta quest’ultime, non poteva esserci posto per un controllo del genere. Gli enti locali, ed in particolare i Comuni,hanno compiti,attività e servizi di primaria importanza,che interessano il benessere e l’elevazione materiale e morale della collettività rappresentata. E’ interesse di tutti, è interesse dello Stato a che gli enti locali conformino la loro azione alle norme di legge e ai criteri di convenienza economica per la miglior realizzazione dei loro compiti istituzionali. Ben si comprendono, allora, i controlli tesi alla verifica di un’amministrazione che svolga la sua attività (oltrechè in piena legittimità giuridica)nel rispetto di norme e criteri di economicità,efficienza ed efficacia. Controllo che non riguarda soltanto gli atti (di 2 Giannini,Corso di diritto amministrativo,Milano 1970,p. 289

Anteprima della Tesi di Gianmario D'ambrosio

Anteprima della tesi: Il sistema dei controlli sui comuni, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianmario D'ambrosio Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4289 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.