Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Regolamentazione dei servizi di pubblica utilità: valutazioni contabili e finanziarie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 INTRODUZIONE Questo lavoro intende analizzare gli elementi di contabilità e di finanza contenuti nel processo di regolamentazione dei servizi di pubblica utilità. Si tratta di elementi che non emergono con subitaneità nel momento in cui ci si avvicina alle public utilities. Occorre un lento ed approfondito studio, che parte dalle basi teoriche del processo regolatorio presenti nella letteratura economica, per arrivare fino ad una analitica osservazione dei metodi di determinazione delle tariffe applicate. La quantificazione delle tariffe, infatti, non è fine a se stessa, ma segue quelle che sono le finalità primarie della regolamentazione, in particolare l’efficienza e l’avvio alla concorrenza. Da mettere in risalto è il fatto che quest’ultimo obiettivo, cioè l’avvio alla concorrenza, impegna il regolatore solo in quei servizi che non presentano le caratteristiche tipiche di un monopolio naturale. Il trasporto del gas naturale, per esempio, o la trasmissione dell’energia elettrica costituiscono servizi che non potranno mai essere liberalizzati, in quanto per le loro stesse peculiarità sono monopoli naturali e in quanto tali nessun regolatore sarà mai in grado di aprirli alla concorrenza. Soltanto servizi sottoposti a monopoli “di fatto” possono essere portati progressivamente alla completa liberalizzazione. Il ruolo del regolatore nei servizi di monopolio naturale sarà allora quello di garantire l’efficienza attraverso una equa determinazione delle tariffe, in modo da sostenere adeguatamente l’apertura alla concorrenza negli altri servizi dell’intero settore. Questi sono gli obiettivi essenziali che un qualsiasi regolatore deve tenere a mente, nella sua vigile funzione di controllo sull’attività delle imprese che svolgono servizi di pubblica utilità. Garantire l’efficienza e la concorrenza nei termini che abbiamo specificato è fondamentale per poter offrire il servizio a tutti i consumatori, e a condizioni vantaggiose. Proprio per questo semplice motivo è di ampia rilevanza la scelta delle metodologie da adottare, in quanto esse devono permettere di determinare tariffe in grado di spingere le imprese ad operare in tutta efficienza. La scelta deve cadere sui metodi che incrementano l’efficienza dell’attività, e la

Anteprima della Tesi di Mara Tacconi

Anteprima della tesi: La Regolamentazione dei servizi di pubblica utilità: valutazioni contabili e finanziarie, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mara Tacconi Contatta »

Composta da 237 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4371 click dal 18/10/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.