Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Regolamentazione dei servizi di pubblica utilità: valutazioni contabili e finanziarie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 quale dipende dai mutamenti delle condizioni tecnologiche e dal mercato. In tal modo, applicando la ror regulation, si fa in modo di trasformare il settore in questione in un settore completamente privo di rischio per gli azionisti. 16 Attualmente, in quei casi in cui si applica ancora il ror, si sta cercando di modificare questa caratteristica, e di spostare leggermente il peso del rischio dai consumatori agli azionisti. È ciò che è stato proposto negli Stati Uniti per il settore elettrico, suggerendo di includere nel calcolo dell’RB anche gli investimenti con un’opportunità ex post la quale richiede che essi siano “used and useful”, cioè utilizzati ed utili. La proposta è stata rifiutata successivamente dall’autorità giudiziaria, perché ha ritenuto che avrebbe operato un’espropriazione degli azionisti. Come esempio 17 poniamo il caso di un’impresa che, prevedendo un incremento della domanda, metta in atto un progetto di espansione della capacità produttiva approvato dal regolatore. Se, successivamente, le previsioni sulla domanda si rivelano errate, l’impresa dovrà far fronte ad un eccesso di capacità produttiva e così il regolatore può decidere di non permettere l’inclusione dell’investimento nel calcolo del capitale investito, facendo gravare il fallimento del progetto interamente sugli azionisti, invece che sui consumatori. Il ror è stato comunque adottato per molti anni dalle autorità regolatorie americane per la sua caratteristica principale insita nella logica del suo funzionamento: il regolatore, fissando direttamente egli stesso i prezzi sulla base dei costi, come abbiamo visto prima, è così in grado di controllare l’esercizio di potere di mercato da parte dell’impresa, preservando gli incentivi all’afflusso di capitale nel settore. 16 Cervigni – D’Antoni, 2001, pag. 229. 17 Ibidem.

Anteprima della Tesi di Mara Tacconi

Anteprima della tesi: La Regolamentazione dei servizi di pubblica utilità: valutazioni contabili e finanziarie, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mara Tacconi Contatta »

Composta da 237 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4371 click dal 18/10/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.