Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale della privacy

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.2 – DA DIRITTO DI “CLASSE” A INTERESSE DELLA COLLETTIVITA’ A seconda dell’uso che se ne fa, la privacy assume una diversa accezione. 6 Qualora la difesa della privacy è invocata al solo scopo di ostacolare un intervento assistenziale da parte dei pubblici poteri, mirato ad attenuare le disuguaglianze tra le classi più abbienti e quelle meno agiate, la privacy si presenta quale strumento di consolidamento dei privilegi di un gruppo (classe borghese). Se invece la privacy è usata dai cittadini quale mezzo per resistere all’autoritarismo e alle discriminazioni politiche, religiose, razziali, ecco che diventa uno strumento per promuovere la parità di trattamento tra cittadini, per costruire l’uguaglianza e rimediare all’equazione privilegio – classe borghese. In entrambi i casi si tratta di reagire alle interferenze dei poteri pubblici, ma diversa è la motivazione che accompagna la reazione: individuale e classista nel primo caso, collettiva nel secondo. 7 Emerge dunque la dimensione sociale del fenomeno: non più diritto di classe, ma interesse della collettività. Il nostro ordinamento riconosce all’individuo uno spazio riservato, inclusivo dei dati relativi alla sua persona e alla sua individualità fisica e spirituale. Tale riconoscimento non è espressivo di un privilegio esclusivo della classe borghese, ma postula la tutela di valori che chiunque deve rispettare e garantire affinché l’individuo goda di un minimo di libertà che gli consenta di agire ed 6 RODOTA’, “Tra individuo e collettività”, cit., pag. 548: l’autore osserva come la crescita dell’assunzione di informazioni personali da parte delle istituzioni pubbliche o private risponde a due obiettivi: garantire «la preparazione e la gestione di programmi di intervento sociale da parte dei pubblici poteri e lo sviluppo di strategie imprenditoriali private»; controllare «la conformità dei cittadini all’indirizzo politico dominante ed ai comportamenti prevalenti» 7 RODOTA’, op cit., pag. 550 ss

Anteprima della Tesi di Domenico Ferraro

Anteprima della tesi: La tutela penale della privacy, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Domenico Ferraro Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6085 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.