Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale della privacy

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

personalità come il diritto al numero di telefono o al numero di matricola. In realtà la persona umana ha un valore unitario e i suoi interessi collettivi, sebbene concettualmente isolabili, conservano un riferimento oggettivo e sono sostanzialmente solidali tra loro. Non esistono tanti diritti della personalità, ma un unico diritto che garantisce l’essere della persona, ossia tutti quei beni personali che servono allo sviluppo della personalità e di cui la coscienza sociale, che trova espressione nell’opera del legislatore e del giudice, ritiene necessaria la tutela. La coscienza sociale si pone come limite interno alla categoria dei diritti della personalità, nel senso che l’interesse dell’individuo al rispetto di sè e della persona deve fare i conti e bilanciarsi con l’interesse generale al libero svolgimento della vita di relazione. Questo limite interno, anche se non è stabilito dal legislatore, si desume dal costume e determina che la categoria dei diritti della personalità non è illimitata, mentre indefinito e vario, sia pure nei limiti anzidetti, è il suo contenuto. 13 13 GIANPICCOLO, La tutela giuridica della persona umana e il c.d diritto alla riservatezza, in Riv. trim. dir. proc . civ., 1958, 458 ss; SGROI, Il diritto alla riservatezza di nuovo in Cassazione, in Giust. civ., 1963, I, 2, pag 1282 ss., critica l’idea di Gianpiccolo per cui l’unico diritto della personalità garantisce ogni interesse umano che il costume sociale ritiene meritevole di protezione, essendo necessario che la valutazione da parte della coscienza sociale sia recepita dall’ordinamento; occorre pertanto trovare un fondamento normativo al diritto alla riservatezza e ciò è possibile, secondo l’autore, mediante il ricorso all’analogia che autorizza il riconoscimento soggettivo della riservatezza e la determinazione dei relativi limiti.

Anteprima della Tesi di Domenico Ferraro

Anteprima della tesi: La tutela penale della privacy, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Domenico Ferraro Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6085 click dal 19/10/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.